Fly Fishing, la passione segreta

Ho acquistato la mia prima canna da pesca a mosca nel 1975 in un negozio di Treviso nei pressi della Stazione  Centrale, era una Jet della Hardy e costava circa 20 mila lire. L'ho ancora a casa e non la tocco!

La comprai con i soldi con cui avrei dovuto acquistare un basso elettrico per diventare musicista ma nel breve viaggio  in treno, cambiai idea e abbandonai il progetto di diventare musicista. Certamente meglio così..La pesca ha un appassionato in più e la musica , certamente un pessimo bassista in meno!

L’unica persona che conoscevo e che pescava a mosca era Carlo Bacchion , un ragazzo di Istrana (dove vivevo) e che mi portava a pescare in Piave e sul Sile con risultati deprimenti. Non prendevo nulla ma d'altra parte da assoluto autodidatta, imparai a lanciare.

Ancora oggi ho i morsetti Pragliola dell'epoca.

Per tanti anni sono stato un attento sognatore delle cose della pesca a mosca e la mia libreria contiene decine di libri del Pragliola, Lumini, Riccardi così come manuali Orvis, Devaux.

Abbandonai momentaneamente la pesca a mosca quando mi trasferii con i miei genitori a Roma e per un lungo periodo, tutte le scuole superiori, dimenticai canne e code pur rimanendo sempre affascinato dalle immagini che vedevo sulle riviste.

Ripresi contatto con la pesca a mosca durante i primi tre anni di Accademia Militare in cui costruivo decine di modelli di Devaux, Chamberet e le classiche come Tup’s , March, Olive Dun, Coachmann e la Paeshant Tail.

Molte di queste sono ancora presenti nelle mie scatole. La ripresa con il lancio, la posa si ebbe quando venni trasferito a Foggia che mi vide viaggiare molto anche solo per fare  3 lanci nelle acque dell’Ofanto alla ricerca di cavedani oppure sul Volturno o sul Biferno.

All'epoca taluni finti soloni manco possedevano una canna..e si sono permessi di criticare il mio desiderio di parlare "anche" di pesca a mosca....

Momenti magnifici, tante catture, tanti chilometri ed una tecnica improvvisata che però mi regalava soddisfazioni enormi  anche nel retro bottega della mia testa vi era la certezza che mai avrei potuto andare al cospetto dei moschisti “veri” poiché non avevo frequentato corsi, lezioni di lancio e avevo scarse cognizioni degli insetti.

Pescavo a sensazioni ma non sapevo se facevo bene.Non dovevo essere poi così scadente se in Austria, pescando in una piccola risorgiva, cominciai a catturare trote e temoli (minuscoli) sulla mia secca anche davanti ad un famoso moschista che stava facendo un video e di cui ammmiravo  la maestria. 

La mia tecnica nel suo complesso, era modesta.

Con gli impegni del surf casting e successivamente, del carpfishing, per circa 20 anni ho tenuto le canne da mosca in un  cassetto fino al 2012 ano che definirei, della svolta del flyfishing.Credo di aver dato tutto e molto altro ancora alla divulgazione del carpfishing, ho dedicato 20 anni a scrivere, filmare,  catalogare e filmare.Tutto quello che era possibile fare, l’ho fatto senza mai negarmi affrontando invidie, maldicenze e tutte le perfidie che si attira chi  si mette in evidenza.Amici finti ed interessati solo ad avere uno spot light sulla loro testa scadente capaci di tradire non appena possibile...

Ora sono arrivato ad un livello in cui devo rifiatare e trovare nuovi stimoli per cui ho deciso di allontanarmi da un mondo in  cui oramai fatico a vedermi per la troppo differenza che leggo e vedo in alcuni degli attuali protagonisti.

Vedo il carpfishing e i personaggi che lo popolano oggi e mi sento tranquillamente di affermare di non poterne più farne parte...mi spiace molto ma siamo lontani mille anni luce su tutti i punti di vista; a volte ci si sente marxiani a casa propria!

Troppi improvvisati, troppa carenza culturale se è vero che l’angler italiano sa poco o nulla della storia della pesca italiana,  non legge e si auto-promuove sul campo.

Rifiatare significa non allontanarsi ma osservare in modo meno coinvolto, le dinamiche di un settore cresciuto troppo in fretta.

La svolta, dicevo, avvenne nel 2012 quando girai per National geographic “The King Fishers” e mi ritrovai costretto a  pescare a mosca in Spagna in un bellissimo torrente mentre nei giorni precedenti, avevo pescato alle Seychelles catturando mille prede.

L’amore per questa tecnica, questa volta con la consapevolezza di dover migliorare molto tecnicamente, era nuovamente sbocciata  e a far aumentare ancor di più questo desiderio, l’apertura del tratto “NoKill” Aniene a 30 chilometri da casa.Due stagioni intense di Gail, Moll, Drava, Aniene, Trebbia, Pescara, Rienza, ma anche Orbetello, Yellowknife, Los Roques,  Miami per imparare grazie a grandi maestri che m

i stanno dedicando il loro tempo. Trote, temoli ma anche bonefish e tarpon sono  diventate prede che una volta speravo di prendere e che adesso inseguo non appena posso. 


Nel frattempo continuo con carpfishing e surf, la barca a Ostia per tutto quello che mi passa per la testa; il mio lavoro me lo consente.

Recentemente la grande scoperta della Slovenia a Most Na Soci sull'Idjia e quindi sul fantastico e difficile Soca (Isonzo) per poi trascorrerer  giornate memorabili sul Bacha, Trebusja.

Poi la scoperta del Sora con decine di temoli e la Sava Bojinika e il suo impressionante carico di pesce di alta qualità.

La tecnica si affina,  le prede aumentano a disminura così come la passione e la voglia di confrontarmi a livelli sempre più alti e complessi.Recentemente le grandi pescate in Guadeloupe Francese a prendere snook, baby tarpon e difficili bonefish e prossimamente nuovamente  nelle Everglades in Florida per beccare il mega tarpon!

Ora credo di essere diventato in discreto lanciatore, sopratutto in mare mentre qualche cosa si deve ancora affinare sulle acque molto correnti.

Ma ho tempo e voglia di farlo perché siamo arrivati al punto in cui non mi accontento più ed è iniziata la ricerca del perfezionamento, quello in cui solo una presenza di esperti può garantire.

Accanto a loro, ore di allenamento di lancio per perfezionare la tecnica, ore di visione di filmati e i primi gradi risultati e la stima di moschisti d alto livello, primo tra tutti Marino Di Luca, Paolo Ercoli, Carlo La Rovere,i fratelli Franzero e la grande coppia Fabrizio Sabatini e Sabrina Mori  e gli amici della SIM ma anche Franco di Los Roques e tanti altri che pazientemente mi porgono consigli per migliorare...credo che i risultati si comincino a vedere o perlomeno, vedo la mia coda andare dove dico io..e i pesci salire a prenderla!

Dedico molto tempo alla pesca a mosca, molto altro ne dedicherò fermo restando che questo è il mio piccolo segreto, il rifugio in cui non sono ammesse telecamere e non sono previsti video né articoli sulla riviste.

Almeno per il momento poi, se un progetto che sto finalizzando andrà a punto allora insieme a moschisti di grand esperienza , ne riparleremo con buona pace di chi mi scrisse che riteneva "offensivo" per i moschisti che fanno filmati che io mi mettessi a fare anche quello.

No caro amico....è offensivo ciò che scrivi senza sapere una mazza.

Ho anche ricominciato a costruire e catturare con le mie creazioni a volte copiate a volte, originali.

Mi piace, mi piace, mi piace.

Un nuovo rinnovato entusiasmo che mi mancava e che colma un vuoto rimasto tale da oltre 25 anni e che adesso condivido con la mia compagna Valentina con la quale , giro alla scoperta di nuovi torrenti e nuovi viaggi con la canna da flyfishing in mano!

News
Parliamo dell'apertura alla trota? Rito o mattanza annuale? Continua..
Me ne torno a casa dopo Vicenza 2017-Pescare Show con molto entusiasmo personale e altrettante perplessità sul reale stato delle cose. ma vado per gradi. Continua..
Il perché si chiude una porta legata ai canali a pagamento e si apre un portone fatto di televisione in chiaro. Continua..
Uno stralcio di SurfCasting Academy , il nuovo libro sul surf in uscita tra un mese circa. Tanto per fare chiarezza e tranquillizzare chi vorrebbe dei meriti che ha solo in parte e mi scrive stizzito dopo 20 anni... Continua..
Una meravigliosa scoperta, la riprova che con entusiasmo e sacrificio si possono creare angoli di paradiso; Tail Water Tevere a Sansepolcro Continua..
Da anni cerchiamo di rendere la pesca sportiva eco compatibile, sostenibile. Da anni proviamo a diffondere un comportamento etico che ci renda inattaccabili e nel frattempo la televisione generalista propone esempi del tutto opposti. Continua..
Partita persa oppure esiste ancora una flebile luce? Credo sia difficile pensare positivo perché manca la cultura della pesca ricreativa e sportiva e le leggi non ci aiutano affatto. Continua..
Ho scritto una lettera al portavoce dei 5Stelle Liguria che si era espresso in modo assai poco convincente sulla pesca ricreativa. Aspetto risposta graditissima. Continua..
Firmare la mozione dela FIPSAS per fermare una legge beffa ai danni di tutti noi. Continua..
Il Testo unificato che crea la licenza di pesca in mare va fermato prima che lo scandalo si consumi ai danni di tutti noi. Più che scandalo, una enorme presa per i fondelli a 1.5 milioni di appassionati! Continua..
Un editoriale scritto nel 2009 che ripubblico volentieri visto che adesso si scopre che dietro la pesca sportiva potrebbe esserci un mucchio di posti di lavoro.. Continua..
Polemiche sterili su parole mai dette. Serve una mente aperta e sopratutto, una maggiore tolleranza. Continua..
Una riflessione sulla indecente proposta e il link dove scaricare il modulo per dire: NO! Continua..
Ecco il testo integrale della lettera aperta inviata da EFSA al Ministro delle POlitiche Agricole (MIPAAF) Continua..
Nelle proposta di legge presentata dal Dep. Oliverio viene messo nero su bianco che dietro la pesca illegale e il commercio illegale di pesci si cela .....la pesca ricreativa.....Ora forniscano le prove... Continua..
Un Deputato propone la licenza di pesca in mare e contemporaneamente, più fondi a sostegno dei professionisti. Togliere a noi per dare alle reti? Non mi pare una buona idea e non se ne sono valutati i rischi... Continua..
Eccellenze italiane che stanno dimostrando come la pesca sia uno strumento moderno e efficace per creare lavoro; una ricetta fatta di amore, professionalità e zero chiacchiere! Continua..
La farsa italiana di voler dire che la carpa, con 2000 anni di cittadinanza italiana è alloctona. Pertanto è tra le specie invasive e deve essere distrutta.Lascio perdere i commenti che si ascoltano all'estero... Continua..
Chiusa la pesca al tonno senza aver avuto la possibilità di immergere le lenze che anche quest'anno, pur pronte all'uso, sono rimaste all'asciutto...Intanto i furbi continueranno a farsi i comodi loro... Continua..
Aprire le menti e provare a dialogare. Non è una impresa facile provare a capire in un panorama contorto e pieno di contraddizioni come quello della pesca italiana Continua..
Accampare diritti? Tradizione nazionale!! Doveri? Pochi e sopratutto, che siano un problema di altri..Questa è la pesca ricreativa? Continua..
La pesca del tonno per i ricreativi è una farsa; me ne sto convincendo velocemente.La politica si fa beffe ma noi ci mettiamo il carico da quaranta con comportamenti che devono essere messi al bando e denuncia Continua..
Senza vergogna, senza nemmeno nascondere che si commettono reati. Una brutta pagina che l pesca ricreativa sta scrivendo e che non smette di scrivere, incapace com'è, di crescere culturalmente. Continua..
I retroscena di The King Fishers per Nat Geo, una bella esperienza internazionale con tanta luce e qualche ombra fastidiosa! Continua..
Archivio News
 
Social
 
Ricerca