pubblicato il 01/09/13
Alla fine ho partecipato, primo in Italia, ad un programma di pesca sulla 4^ televisione mondiale con una platea di 221 Paesi e 1 miliardo si spettatori...detto così fa quasi paura in realtà...non sono tutte rose e fiori. L'essere stato scelto su segnalazione del mi amico Renato Vacatello ha fatto girare i cosidetti a diverse persone, rancorose ma francamente, me ne frego... E' stata una bella avventura con un finale amaro ma non troppo e ben pochi risvolti successivi...una esperienza che non ripeterei perché ero decisamente e presuntosamente, fuori contesto.
Ora, vediamo se riesco a ricostruire alcuni momenti sin dall’istante in cui l’amico regista Renato Vacatello (Fish Eye e Strike) mi comunica di aver proposto il mio nome per una fantomatica serie di pesca per National Geographic perché, a suo giudizio, incarnavo ciò che serviva per il programma, inclusa una ottima conoscenza dell’inglese. Lo ringrazio e aspetto di venir contattato da una produzione britannica e dopo qualche giorno mi ritrovo su Skype a subire una lunghissima intervista in inglese con una interlocutrice che mi parla a velocità supersonica. 
Qui l’inglese lo devi capire e bene, non esistono raccomandati anche perché ti dicono chiaro e tondo che tutta la trasmissione sarà in inglese e in presa diretta…

Reggo la botta e mi accorgo di aver fatto colpo quando una prima volta mi chiede se avessi mai fatto cose in video  “… I have over 400 films, videos and dvd since 1995 and I actually work for Sky TV …..” ….rimane sorpresa….forse perplessa……e questo dov’è saltato fuori avrà pensato forse credendo che la pesca televisiva fossero solo le finzioni di River’s Monster

Poi mi chiede se sono una guida professionistica di pesca e le sparo una nuova botta “….no madame, fishing is not my job…I am an airline pilot…..but have a look at my credits on YouTube or Google....”

A quel punto l’interlocutrice mi dice che gli altri 29 protagonisti sono tutti professionisti  nella pesca e io sarò certamente scelto perché non pensavano mai che un Pilota di aerei professionista potesse avere un curriculum dieci volte superiore a quello di un professionista della pesca…..Buon per me.

Io mi domando chi possano essere li altri e solo a trasmissione finita mi accorgo di essere l’unico tra tutti ad essere realmente coinvolto nella pesca come autore e video maker. Tranne un simpatico inglese che lavora per Free Spirit tutti gli altri sono piuttosto sconosciuti

Detto fatto, mi ritrovo nel Team senza sapere cosa avrei fatto perché tutto era coperto da segreto. L’unica concessione era stato il sapere che altri angler molto blasonati non erano risultati idonei perché l’inglese era troppo modesto. Peccato per loro e bene per me. Ma qui partono le invidie non da parte degli esclusi, quelli si complimentano e mi spiegano di aver capito subito che la lingua sarebbe stato un ostacolo  troppo alto.

No, le invidie nascono da chi li aveva propostii pensando di essere credibile fuori dai confini nazionali.

Dopo aver ricevuto decine di documenti da compilare comincia a dipanarsi il mistero almeno delle location e scopro che dovrò partire per le….Seychelles….momenti di pura euforia visto che non ci sono mai stato!

La seconda location è invece una località della Spagna sui Pirenei e comincio ad immaginare che pesca avremmo potuto fare a dicembre in Spagna….

Per quanto riguarda la mia destinazione, non avevo avuto molti dubbi; Orbetello e ne spiego le ragioni.

-       Conosco la località e la qualità della pesca alla spigola in laguna

-       Conosco le sistemazioni logistiche e le bellezze naturali da far filmare

-       So che posso contare su tanti appoggi ed aiuti

Ma, cosa assai più importante, tutta l’area era stata colpita da una tremenda alluvione e stava rimettendosi in sesto per cui la visita di National Geographic per un programma che sarebbe stato trasmesso in 150 Paesi e visto da 1 miliardo di persone sarebbe stato il mio contributo personale per aiutare quel magnifico posto a rialzare la testa e guardare avanti.

Alla fine mi renderò conto che non mi è stato quasi detto nemmeno grazie anche se non era ciò che cercavo……1 miliardo di spettatori..

 

Seychelles, poca pesca.

Parto da Roma e via Dubai arrivo a Mahe alle Seychelles dove prima di varcare l’uscita vengo fermato, rimesso a posto (18 ore di viaggio) e predisposto per una uscita trionfale davanti a flash e telecamere. I presenti forse pensavano fossi uno sportivo famoso, magari un giocatore di golf (data l’età) oppure una star del cinema e credo nessuno dei tanti passeggeri presenti si fosse minimamente reso conto che si trattava di un pescatore con la canna. Sta di fatto che firmo autografi, ci sono flash, e le telecamere mi riprendono fino a quando non arrivo su un pulmino in cui mi aspetta Luise Allen, la regista del programma che stava seguendo tutte le riprese su un monitor. Faccio conoscenza con una donna dinamica, veloce, decisa e molto determinata a fare un grande programma.

Mi spiega le regole e mi porta in un posto dove dormirò in attesa di conoscere i miei rivali; un albergo sul mare. Ne approfitto e vado a pescare con la mosca dalla spiaggia catturando le mie prime prede delle Seychelles, praticamente una ogni lancio!

Il giorno dopo faccio conoscenza con Ivan Tarin lo spagnolo, molto simpatico, molto spaesato e senza alcuna esperienza di pesca che non sia la pesca a mosca. Mi confessa di non aver preso prede più grandi di 3.5 kg e di non avere nessuna idea di come si pesca in mare.

Li per li mi domando il perché ma poi, smetto e penso solo a scoprire quel posto magnifico in compagnia del mio nuovo amico spagnolo. Insieme conosciamo il terzo della banda The King Fishers” ovvero Stephan Holzhauser, residente alle Seychelles ma di origine Sud Africana . Giovane, molto giovane, al punto che mi chiedo come possa essere un “King Fishers” uno così giovane…almeno  rispetto ad una vecchia ciabatta come me che pesca dal 1967…. Ma tant’è, devo ancora capire che la pesca è solo un pretesto anche se mancano poche ore a verificarlo dopo aver saputo al briefing che avremmo cercato i GT e i DogTooth Tuna a vertical jigging.

Io lo pratico saltuariamente in Italia e all’estero, l’altro ospite non aveva nemmeno l’idea di cosa fosse e di che stessimo parlando…..aspirante “Re della pesca….

La mattina dopo ci spariamo 2 ore di navigazione…ed arriviamo su una plateaux su cui l’eco segnala milioni di  pesci. Ci viene consegnata l’attrezzatura e verifico che a noi tocca materiale di cui dubito la capacità di resistere ad un GT di 30 kg mentre l’amico Stephan ha la sua Shimano con tanto di Stella 20000.

Verifico subito che la pesca si svolge a 70 metri, che Tarin non ha idea di cosa stiamo facendo e che i pesci dopo 20 minuti non se ne vedono.

Apro le danze (??) con una cernia di 1 kg che non vale per la sfida, poi arriva un GT di 3 kg che subito viene spacciato per 7 perché viene letta la bilancia  in libbre anziché chilogrammi. Mi viene da ridere visto che anche in Italia spesso accade…ma questi sono pretendenti King Fishers per cui me ne sto zitto e penso ai veri “King Fisher nostrani”  tipo, Germani, Fanelli, Grimaldi, Ursino. Tutta gente  che non parteciperà mai ad una trasmissione televisiva in mondo visione ma che certamente, questi du, non li farebbe nemmeno salire nella loro barca se non dopo un corso intensivo di pesca.

Dopo la prima ora abbiamo un solo pesce valido quello da 3.5 kg e mille spostamenti. Lo spagnolo non sa che fare, spesso non fa nemmeno cadere l’esca sul fondale e dopo ogni serie di 5 minuti di recuperi si deve fermare per riposare sebbene sia un ragazzone  mentre il “vecchio” (io) continua imperterrito a pompare cercando un pesce. Inutilmente visto che la corrente non ci tiene sui punti e lo skipper non riesce a tenere la barca in posizione.

Proprio in un lancio casuale ed esca a galla, arriva un pesciolone per lo spagnolo che rimane di pietra perché a differenza delle sue trotelle questo gli sfila 200 metri di treccia e lui non sa minimamente come fare. A quel punto poso la canna e mi metto ad aiutarlo spiegandoli che il pesce non si recupera ma si pompa, che non si recupera quando strappa filo ma solo quando si ferma e che bisogna avere pazienza e preservare le forze perché  servono almeno 40 minuti (in cui io non pesco e l’altro…si)  per portare questo pesce a galla.

Un Yellofin Tuna da 30 kg meraviglioso nel blu dell’Oceano Indiano….Lo spagnolo ha talmente combattuto male quel pesce che nel successivo rilancio gli rimane in mano la manovella del mulinello e non ci sono accessori di riserva.

E io che in Italia insieme a Gionata Paolicchi ho predisposto intere attrezzature che la Colmic mi ha messo a disposizione....qui su una barca da 250 mila dollari non esiste un mulinello di riserva per cui la pesca è di fatto finita e io....ho semplicemente perso tempo perché nel frattempo,sono passate quasi tre ore, abbiamo cambiato 40 posti e speso quasi tutto il tempo a cercare poste che non erano state memorizzate nel GPS....

La saga dell’improvvisazione più totale…e io avevo fatto 18 ore di aereo e preso 15 giorni di ferie…..facendo saltare il piano riprese peri miei programmi televisivi…..sono senza parole...mi sono rimasti solo decine di vaffa....!!!

La mia esca è stata in acqua forse per 30 minuti, forse meno…..MI girano i co…i come un frullatore…

Sale il mare e la sfida viene fermata e si torna a casa prima delle 4 ore (?????) di pesca previste; io sono incazzato nero perché semplicemente non ho pescato, ho fatto la balia ad un principiante che alla fine mi ha pure battuto per cui io arrivo ultimo in una sfida semplicemente …inesistente…

5 giorni di Seychelles, non Ostia e 1 ora di pesca reale. Sono perplesso e mi domando cosa stia facendo perché così, non ci siamo proprio e lo dico chiaramente alla produzione.

Alla fine partiamo in gruppo e volando Emirates andiamo dopo sole 24 ore di viaggio a Barcellona dove ci aspettano 3 ore di macchina e un freddo cane (-4°C contro i +35 delle Seychelles). Arriviamo nei pressi del fiume Segre, bellissimo e maestoso e capisco che tecnica di pesca dovremo fare; la pesca a mosca solo che la produzione ci proibisce di allenarci per certe regole strane. Gli faccio presente che solo il caso vuole che io sia un discreto moschista e che Stephgan sappia pescare con la coda di topo perché se fossimo stati due principianti a digiuno di Roll Cast e di Doppia Trazione probabilmente ci saremmo rifiutati di esporci ad una brutta figura davanti alle telecamere per cui, è necessario allenarci nei due giorni che precedono la sfida…….Anche se ….solo io ho una canna da mosca da mare che Albeto Salvini mi ha prestato e che uso per l’occorrenza in fiume. Segre magnifico, pulito, ricco di trote e di un rispetto per la natura che da noi non esiste. Basta fare un permesso e si pesca con regole precise e con controlli che arrivano puntuali. Poi arriva la sfida e per far questo ci spostiamo in un paesino sperduto, in una specie di stamberga che chiamano hotel dove almeno si mangia benissimo.

Pescheremo a mosca con -7°C in un fiume di cui non ci viene rivelato il nome perché lo spagnolo NON vuole!

Semplicemente ridicolo…Ma è solo l'inizio della scoperta di questo mediocre iberico....

Pescheremo a mosca e scopriamo che dovremo dividere una attrezzatura in tre in turni di 10 minuti ciascuno perché “così non spaventiamo i pesci…”

Troppo facile caro amico iberico, penso io; tu sai dove pescare perché ci porti i clienti, l’attrezzatura è la tua e noi così non abbiamo chanches...almeno questo lo pensi tu perché io spesso sono dotato di un gran culo...

Ho i waders umidi, (me li ha dati bucati...?)  un piede bagnato e non sono affatto in forma ma devo fare buon viso a cattiva sorte anche perché dopo 3 lanci lo spagnolo prende una trota da 51 cm sullo streamer, io nulla e Stephan ne perde una magnifica a 30 cm da guadino.

Andiamo avanti così, fino a quando mi sposto, trovo zona che mi piace e prendo la mia trota a cui poco dopo, ne fa seguito una seconda che mi porta in testa. Si arriva su un chalk strema bellissimo e vedo molte trote bollare ma non è il mio turno, sono il terzo in questo settore e lo seychellois non lancia la secca decentemente e va in bianco. Ivan invece non perde la bollata e cattura il suo pareggio con una scena splendida di combattimento mentre io fremo perché le trote sono ancora li che bollano.

Tocca a me e tiro fuori 12-13 metri di coda con un finale da 5 metri e ferro una iridea che mi riporta in testa. Lo spagnolo è sotto pressione, l’altro salvo miracoli è fuori dai giochi. E’ il momento di passare al dropper con una ninfetta e una secca come indicatore. Ivan fa una trota da 51 cm e non solo pareggia ma, viste le regole, mi supera di 1 punto. A mia volta, pareggio e….mi fermo qui perché il tempo è finito e ho solo un giro da 10 minuti per vincere la prova…ma faccio un groviglio dul dropper e perdo il mio tempo.

Alla fine, vince lo spagnolo perché ferra una iridea a pochi istanti dalla chiusura e non resta che complimentarsi con lui! Sono comunque contento perché gli ho messo tanto sale sulla coda e la mia azione di pesca mi è piaciuta...se ci tornassi adesso che sono 16 mesi che pesco a mosca in modo intensivo forse lo distruggerei...

Il rammarico è il non aver avuto una attrezzatura individuale per pescare le 6 ore piene della sfida ma, alla fine, meno di 70 minuti a testa…..

Ovvero dopo 10 giorni di viaggio e 40 di volo ho pescato realmente meno di 4 ore.

 Finalmente Italia.

Un Airbus 320 Alitalia da Barcellona ci porta tutti a Roma e quindi a Orbetello con un simpatico autobus guidato dal nostro runner Gionata Paolicchi che è essenziale in queste fasi organizzative. Ho scelto la Parrina come resort perché è un posto magnifico in una tenuta spettacolare le camere sono maestose ed ho organizzato una serie di visite ai ristoranti locali per dare idea di cosa sia la Maremma e la sua gente. IL tempo è pessimo ma si pesca ugualmente e la sfida sarà sulle spigole della laguna. Per l’occasione la Colmic mi mette a disposizione tre set perfetti composti da coppia di canne e mulinelli perfetti per lo spinning,  trecce Vastar e artificiali Herackles scelti con attenzione ben sapendo cosa serve a Orbetello. Ogni angler ha una borsetta che contiene il tutto inclusi, forbici, guanti, abbigliamento (Hot Spot Design), fluorocarbon, moschettoni, siliconi, testine piombate e credo di aver fatto il massimo per rendere la sfida bella e pulita. Tutti e tre con gli stessi identici attrezzi…salvo poi scoprire che lo spagnolo alla vista delle borsette con solo 8 artificiali a testa, si lamenta dicendo di sentirsi preso in giro perché con quella roba non si pesca.

Fa finta forse di non aver sentito che anche le mie personali scatole di artificiali (valore di molte centinaia di euro) sono a loro completa disposizione? …Comincio a capire di avere davanti non un simpatico spagnolo ma un furbetto che sta facendosi i calcoli e che vuole vincere anche se di certe tecniche ne sa veramente pochino….

La laguna, il giorno della sfida si presenta perfetta e ci regala una pescata meravigliosa. Prima di tutto, finalmente peschiamo 7 ore filate poi, abbiamo i pesci che collaborano e ne prendiamo 25 battendo il record di catture di tutta la trasmissione. Lo spagnolo, quando si vede terzo, si lamenta per la posizione in barca (libera) della parrucca che fa nel mulinello (identico in tutto agli altri). Io da far mio apro la mia scatola attrezzi a offro i migliori artificiali proprio ai due ospiti e se ammetto di essere stato felice di farlo per Stephan, vero gentiluomo, mi pento per aver agevolato lo spagnolo, troppo agonista per nulla..

Con i miei artificiali vince lo seychellois ocn una preda davanti a me mentre lo spagnolo arranca e si lamenta anche se sa di aver vinto la puntata perché ha in serbo al sorpresa finale ovvero il giudizio sull’ospitalità. A lui in Spagna, felice della pesca a mosca avevo dato un bel 10 punti su 10 mentre nonostante la montagna di cose fatte in Italia in modo impeccabile da tutti, la pesca straordinaria , gli accessori offerti e il cibo clamoroso mi becco 5 ½ punti e perché secondo questo tizio....."..... non lo avevo messo in condizione di pescare alla pari con me….."    mi viene da dirgli ma vaffannc...ma poi mi ricordo che sono un ex ufficiale, un gentiluomo italiano e rappresento il mio Paese....e alla fine dei conti,  Stephan delle Seychelles da una grand elezione al preuntuoso spagnolo dichiarando in diretta di non essere mai stato così bene!

Ho le balle piene di questa situazione e sto per arrivare allo scontro quando a tavola, ospiti della Parrina e davanti ad una eleganza meravigliosa, lo spagnolo senza salutare si alza da tavola e se ne va……per fumare senza tornare a tavola.

Rimango esterrefatto esattamente come l i cameraman e l’amico Stephan delle Syechelles che invece è un signore. A quel punto avviso la produzione che si tratta di un comportamento gravemente offensivo per cui mi riservo di valutare se cacciare dalla Parrina questo buzzurro facendogli trovare taxi e bagagli per l’aeroporto.

Poi mi calmo e me ne frego, tanto ho perso una specie di farsa e per fortuna ci pensa la produzione a rendere giustizia con un montaggio che evidenzia le lacune dello spagnolo (dipinto come un vero nurd) e la signorilità giovanile del seychellois.

Quanto a me, che ho perso e sono buon terzo per un gioco di punti non legato alla pesca, il regalo di essere definito Master of Fishing davanti ad un pubblico di 1 miliardo di spettatori!!!!Non serve a nulla, non cambia la mia carriera di angler e mi suona come acqua e zucchero..ma almeno ne esco benisismo.

Incarto e porto a casa per i tuffarmi  nella cose che mi piace davvero fare e che dipendono solo da me; i miei video per Pesca (Sky 236) e continuare a vivere questa magnifica avventura fatta di emozioni vere e pulite!

Per le grandi televisioni ho sempre tempo...ho solo la certezza che The King Fishers è stata una bella quanto inutile esperienza e che 10 minuti di Emozione Carpfishing girato con Sergio Ciarrocca valgono quanto tutta la serie....

Thanks to:

Colmic e Andrea Collini  http://www.colmic.it per le splendide attrezzature

La Parrina http://parrina.it  per l’ospitalità calorosa

Gionata Paolicchi per l’enorme aiuto dato

La Cooperativa La Peschereccia e il Presidente Luigi Piro  http://www.orbetellopesca.it

Valentina Cerrone per le immagini fotografiche e il tifo!

Precedente | Successivo

Commenti

Icona utente carmine il 13/12/13
ho avuto il piacere di seguire la puntata e in tutta onestà, quello che lei ha pensato del pireneo pescatore, lo abbiamo detto mio figlio ed io. alla fine abbiamo scoperto Orbetello, che dista 60 km da noi e che offre una zona di pesca da provare.grazie
Icona utente Federico Caprari il 11/11/13
Ho visto la puntata solo perché era ospite lei. Non capisco la gara e francamente non credo nelle gare di pesca. Se avessero scelto solo 3 pescatori e li avessero posti in sfida per tutta la stagione del programma, misurandosi nel tempo e non solo in una breve finestra, magari di un luogo e uno stile sconosciuto, sarebbe stato un reality più razionale. Così com'è la sfida non esiste. È una questione di fortuna e, per usare le sue parole, un gioco di punti dove il furbo può vincere.

Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)
*La tua email non sarà pubblicata
Autorizzo il trattamento dei miei dati secondo l'informativa privacy.
Codice di
controllo

News
Parliamo dell'apertura alla trota? Rito o mattanza annuale? Continua..
Me ne torno a casa dopo Vicenza 2017-Pescare Show con molto entusiasmo personale e altrettante perplessità sul reale stato delle cose. ma vado per gradi. Continua..
Il perché si chiude una porta legata ai canali a pagamento e si apre un portone fatto di televisione in chiaro. Continua..
Uno stralcio di SurfCasting Academy , il nuovo libro sul surf in uscita tra un mese circa. Tanto per fare chiarezza e tranquillizzare chi vorrebbe dei meriti che ha solo in parte e mi scrive stizzito dopo 20 anni... Continua..
Una meravigliosa scoperta, la riprova che con entusiasmo e sacrificio si possono creare angoli di paradiso; Tail Water Tevere a Sansepolcro Continua..
Da anni cerchiamo di rendere la pesca sportiva eco compatibile, sostenibile. Da anni proviamo a diffondere un comportamento etico che ci renda inattaccabili e nel frattempo la televisione generalista propone esempi del tutto opposti. Continua..
Partita persa oppure esiste ancora una flebile luce? Credo sia difficile pensare positivo perché manca la cultura della pesca ricreativa e sportiva e le leggi non ci aiutano affatto. Continua..
Ho scritto una lettera al portavoce dei 5Stelle Liguria che si era espresso in modo assai poco convincente sulla pesca ricreativa. Aspetto risposta graditissima. Continua..
Firmare la mozione dela FIPSAS per fermare una legge beffa ai danni di tutti noi. Continua..
Il Testo unificato che crea la licenza di pesca in mare va fermato prima che lo scandalo si consumi ai danni di tutti noi. Più che scandalo, una enorme presa per i fondelli a 1.5 milioni di appassionati! Continua..
Un editoriale scritto nel 2009 che ripubblico volentieri visto che adesso si scopre che dietro la pesca sportiva potrebbe esserci un mucchio di posti di lavoro.. Continua..
Polemiche sterili su parole mai dette. Serve una mente aperta e sopratutto, una maggiore tolleranza. Continua..
Una riflessione sulla indecente proposta e il link dove scaricare il modulo per dire: NO! Continua..
Ecco il testo integrale della lettera aperta inviata da EFSA al Ministro delle POlitiche Agricole (MIPAAF) Continua..
Nelle proposta di legge presentata dal Dep. Oliverio viene messo nero su bianco che dietro la pesca illegale e il commercio illegale di pesci si cela .....la pesca ricreativa.....Ora forniscano le prove... Continua..
Un Deputato propone la licenza di pesca in mare e contemporaneamente, più fondi a sostegno dei professionisti. Togliere a noi per dare alle reti? Non mi pare una buona idea e non se ne sono valutati i rischi... Continua..
Eccellenze italiane che stanno dimostrando come la pesca sia uno strumento moderno e efficace per creare lavoro; una ricetta fatta di amore, professionalità e zero chiacchiere! Continua..
La farsa italiana di voler dire che la carpa, con 2000 anni di cittadinanza italiana è alloctona. Pertanto è tra le specie invasive e deve essere distrutta.Lascio perdere i commenti che si ascoltano all'estero... Continua..
Chiusa la pesca al tonno senza aver avuto la possibilità di immergere le lenze che anche quest'anno, pur pronte all'uso, sono rimaste all'asciutto...Intanto i furbi continueranno a farsi i comodi loro... Continua..
Aprire le menti e provare a dialogare. Non è una impresa facile provare a capire in un panorama contorto e pieno di contraddizioni come quello della pesca italiana Continua..
Accampare diritti? Tradizione nazionale!! Doveri? Pochi e sopratutto, che siano un problema di altri..Questa è la pesca ricreativa? Continua..
La pesca del tonno per i ricreativi è una farsa; me ne sto convincendo velocemente.La politica si fa beffe ma noi ci mettiamo il carico da quaranta con comportamenti che devono essere messi al bando e denuncia Continua..
Senza vergogna, senza nemmeno nascondere che si commettono reati. Una brutta pagina che l pesca ricreativa sta scrivendo e che non smette di scrivere, incapace com'è, di crescere culturalmente. Continua..
I retroscena di The King Fishers per Nat Geo, una bella esperienza internazionale con tanta luce e qualche ombra fastidiosa! Continua..
Archivio News
 
Social
 
Ricerca