pubblicato il 16/08/16

Erano anni che desideravo fare un giro sul Tail Water Tevere ma, onestamente non mi sentivo ancora pronto per affrontare un ambiente di PAM (Pescatori a Mosca) di sicuro livello. E’ vero, ho iniziato a pescare con la coda di topo nel lontano 1975 da totale autodidatta ma per almeno 20 anni a partire dal mio innamoramento per il surf e quindi per il carpfishing, ho completamente tralasciato dry fly e ninfe. Ho quindi un buco nero che va dal 1992 al 2012 in cui il flyfishing è stato riposto in un angolo.

Poi è ri-scoppiata la voglia di questa meravigliosa tecnica forse perché nelle altre ho raggiunto un certo livello di appagamento, forse perché mi è sempre rimasto il dubbio di non aver mai potuto imparare per davvero le giuste movenze. L mia partecipazione a “The King Fisher” con una sfida proprio a mosca nei Pirenei, mi ha obbligato a riprendere la canna in mano e affidarmi dapprima ai mille consigli di Alberto Salvini e progressivamente poi passare nelle sapienti mani di Paolo Ercoli, Marino Di Luca e Carlo La Rovere, Maestri indiscutibili della SIM a cui mi sono legato subito.

Dopo tre anni di “apprendistato” e milioni di lanci fatti in mille acque differenti tra Austria, Caraibi, Slovenia, Irlanda, Canada ed ovviamente Italia (Trebbia e Aniene in primis) ho deciso che forse era arrivato il momento di provare a scoprire questo decantato Tail Water di cui avevo sentito parlare gran bene sempre con la premessa che non si trattava di una acqua facile. I casi della vita vogliono che mi ritrovo in Toscana e decido, avendo l’attrezzatura in macchina, di trascorrere due ore senza dire nulla a nessuno.

Arrivo al bar dove fare il permesso, mi metto in regola e comincio a cercare un posto senza avere idea di dove andare esattamente ma fermandomi lungo la strada bianca per vedere qualche spot che fosse comodo e non eccessivamente lontano dalla macchina , dato il poco tempo a disposizione.Arrivo ad una postazione denominata “14” e dopo essermi bardato di tutto punto decido di affidarmi ad una 7’6’’ WT 3 con un lungo finale conico da 4.5 metri ed un tip di 1.2 mt dello 012 mm. Non vedendo schiuse particolari scelgo una Branko Killer su amo del 18 e comincio la mia perlustrazione pur senza molta convinzione…o ammetto. 

Sbagliavo in pieno a non credere subito in questo magnifico tratto di fiume che scorre sotto la diga di Montedoglio che offre un flusso costante di acqua tra 8-10°c ed un ambiente perfetto. Proprio nel piccolo raschio davanti a me, vedo qualche bollata e dopo poco, la mia prima fario TWT entra nel guadino! E’ l’inizio di 2 ore di fuoco fatte di bollate, rifiuti, padelle e tante fario anche bellocce. Trono a casa con gli occhi pieni, sazio di bella pesca e di ambiente spettacolare e la prima cosa che mi viene in mente di fare in tutta spontaneità ringraziare chi ha creato questo angolo di paradiso. Tra i nomi riconosco subito quello del Presidente, Mauro Raspini e gli scrivo una mail di complimenti.

Mai avrei pensato di trovarmi davanti ad un simile monumento di conoscenza , cultura e entusiasmo. Mauro, che è spontaneo, incredibilmente ospitale e carismatico usa da subito una parola che è nel mio DNA e nel mio modo di vivere la pesca; “condivisione”. Per questo, sin dalla prima mail di risposta mi rendo conto di aver trovato un nuovo entusiasmo ed un nuovo amico con cui parlare di pesca, progettare e provare a costruire.

Per farla breve, in tre settimane sono già tornato altre volte sul Tail Water Tevere e dalle fario della barra 14 sono passato ai tanti temoli (assolutamente  schizzinosi) dell’S1 e di Gorgabuia per poi scoprire le belle trote della Briglia 1 e 2. Tutto condito da finali oramai ridotti allo 010 mm, mini dryfly del 22 e davvero una azione di pesca che appaga quando il temolo o la trota salgono sulla minuscola F_Fly oppure sulle imitazioni dello stesso Mauro Raspini di cui ho oramai una scatola assolutamente piena. Tornerò nei prossimi giorni per fare i classici “Coup de Soir” trascorrendo la notte e la cena in un altro luogo che sin da subito ci è piaciuto; il “Podere Violino”, bello ed elegante e con un eccellente ristorante!

Per informazioni

Tail Water Tevere: http://moscaclub.advertigo.it

Podere Violino: Indirizzo: Loc. Gricignano, 99, 52037 Sansepolcro AR Tel. 366 6822799

Precedente | Successivo

Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)
*La tua email non sarà pubblicata
Autorizzo il trattamento dei miei dati secondo l'informativa privacy.
Codice di
controllo

News
Parliamo dell'apertura alla trota? Rito o mattanza annuale? Continua..
Me ne torno a casa dopo Vicenza 2017-Pescare Show con molto entusiasmo personale e altrettante perplessità sul reale stato delle cose. ma vado per gradi. Continua..
Il perché si chiude una porta legata ai canali a pagamento e si apre un portone fatto di televisione in chiaro. Continua..
Uno stralcio di SurfCasting Academy , il nuovo libro sul surf in uscita tra un mese circa. Tanto per fare chiarezza e tranquillizzare chi vorrebbe dei meriti che ha solo in parte e mi scrive stizzito dopo 20 anni... Continua..
Una meravigliosa scoperta, la riprova che con entusiasmo e sacrificio si possono creare angoli di paradiso; Tail Water Tevere a Sansepolcro Continua..
Da anni cerchiamo di rendere la pesca sportiva eco compatibile, sostenibile. Da anni proviamo a diffondere un comportamento etico che ci renda inattaccabili e nel frattempo la televisione generalista propone esempi del tutto opposti. Continua..
Partita persa oppure esiste ancora una flebile luce? Credo sia difficile pensare positivo perché manca la cultura della pesca ricreativa e sportiva e le leggi non ci aiutano affatto. Continua..
Ho scritto una lettera al portavoce dei 5Stelle Liguria che si era espresso in modo assai poco convincente sulla pesca ricreativa. Aspetto risposta graditissima. Continua..
Firmare la mozione dela FIPSAS per fermare una legge beffa ai danni di tutti noi. Continua..
Il Testo unificato che crea la licenza di pesca in mare va fermato prima che lo scandalo si consumi ai danni di tutti noi. Più che scandalo, una enorme presa per i fondelli a 1.5 milioni di appassionati! Continua..
Un editoriale scritto nel 2009 che ripubblico volentieri visto che adesso si scopre che dietro la pesca sportiva potrebbe esserci un mucchio di posti di lavoro.. Continua..
Polemiche sterili su parole mai dette. Serve una mente aperta e sopratutto, una maggiore tolleranza. Continua..
Una riflessione sulla indecente proposta e il link dove scaricare il modulo per dire: NO! Continua..
Ecco il testo integrale della lettera aperta inviata da EFSA al Ministro delle POlitiche Agricole (MIPAAF) Continua..
Nelle proposta di legge presentata dal Dep. Oliverio viene messo nero su bianco che dietro la pesca illegale e il commercio illegale di pesci si cela .....la pesca ricreativa.....Ora forniscano le prove... Continua..
Un Deputato propone la licenza di pesca in mare e contemporaneamente, più fondi a sostegno dei professionisti. Togliere a noi per dare alle reti? Non mi pare una buona idea e non se ne sono valutati i rischi... Continua..
Eccellenze italiane che stanno dimostrando come la pesca sia uno strumento moderno e efficace per creare lavoro; una ricetta fatta di amore, professionalità e zero chiacchiere! Continua..
La farsa italiana di voler dire che la carpa, con 2000 anni di cittadinanza italiana è alloctona. Pertanto è tra le specie invasive e deve essere distrutta.Lascio perdere i commenti che si ascoltano all'estero... Continua..
Chiusa la pesca al tonno senza aver avuto la possibilità di immergere le lenze che anche quest'anno, pur pronte all'uso, sono rimaste all'asciutto...Intanto i furbi continueranno a farsi i comodi loro... Continua..
Aprire le menti e provare a dialogare. Non è una impresa facile provare a capire in un panorama contorto e pieno di contraddizioni come quello della pesca italiana Continua..
Accampare diritti? Tradizione nazionale!! Doveri? Pochi e sopratutto, che siano un problema di altri..Questa è la pesca ricreativa? Continua..
La pesca del tonno per i ricreativi è una farsa; me ne sto convincendo velocemente.La politica si fa beffe ma noi ci mettiamo il carico da quaranta con comportamenti che devono essere messi al bando e denuncia Continua..
Senza vergogna, senza nemmeno nascondere che si commettono reati. Una brutta pagina che l pesca ricreativa sta scrivendo e che non smette di scrivere, incapace com'è, di crescere culturalmente. Continua..
I retroscena di The King Fishers per Nat Geo, una bella esperienza internazionale con tanta luce e qualche ombra fastidiosa! Continua..
Archivio News
 
Social
 
Ricerca