pubblicato il 05/06/16

Premetto che facendo programmi televisivi da un decennio, circa mi tiro totalmente in ballo poiché nel mio piccolo ho certamente responsabilità anche io. Detto questo voglio fare una riflessione su ciò che la televisione ci propina in fatto di pesca; non parlo della nostrana televisione su satellite perché un canale è visto da troppo poche persone per essere un esempio trainante mentre l’altro, ha un target ben preciso che rispetta fedelmente.

Parlo dei grandi canali mondiali per i quali io stesso ho fatto alcune cose, peraltro bruttine come “The King Fishers” per National Geographic. Fu un programma disegnato da gente che non sapeva nulla di pesca, creando situazioni improbabili e coinvolgendo personaggi a volte strani e mi ritrovai a farne parte dopo una selezione in cui parteciparono importanti (ed anche meno importanti) nomi della pesca italiana. Vinsi non per il mio curriculum alieutica che, francamente era più che discreto ma, per il saper parlare inglese…E non era cosa da poco se penso che uno dei miei due partner del programma,  invece l’inglese lo masticava maluccio…E di pesca a 360° non ne sapeva nullla….

Prendiamo l’esempio di “River Monster” , tanto acclamato ed applaudito. Ho lavorato nel mio programma su Nat Geo, con operatori che provenivano da quella serie per cui qualche cosa me la sono fatta raccontare saltando sulla sedia quando ho scoperto che è pura “fiction”.

Programma certamente ben fatto, che gode di budget per puntata con i quali il sottoscritto ci va avanti due anni, con autori di grand livello che inventano di sana pianta, delle storie spesso affascinanti ma che non risultano credibili a chi è stato anche solo due volte a pesca. Il protagonista, che sfida pesci da 20 kg con attrezzi da 50-80 libbre, è idolatrato al punto che lo stavano per invitare come “guest star” ad una importante fiera italiana. Gli avrebbero pagato il viaggio, il pernotto, e la passarella…Per fortuna si fermarono quando compresero che quel ottimo personaggio televisivo di pesca, ne mastica davvero poca. Perlomeno in “River’s monster” la pesca è comunque la parte integrale di una struttura che prevede il rispetto della preda, il rilascio, considerazioni scientifiche e una serie di informazioni che ne fanno un programma molto godibile per un pubblico generalista.

Vi sono poi programmi terrificanti in cui si va a caccia di coccodrilli nella swamp della Louisiana e li si finisce a colpi di fucile dopo averli pescati con corde e ganci da macellaio. Terrificanti a dir poco nel senso che pervade un senso di nausea profonda davanti a tanto scempio ed al fatto che c'è gente che guarda queste esecuzioni sommarie di animali allo stato brado. Questa è pura merda, scusate la chiarezza e per fortuna, non sta andando in onda da noi. Agli americani piace ma sono cakki loro....

Vero è che ci sono anche programmi interessanti come “Deadliest catch” dedicata ai pescatori di granchi che sfidano l’estremo nord dell’Oceano in situazioni veramente incredibili e che godono del massimo rispetto così come, c’è l’ottimo Robson Green che propone i suoi viaggi ma che la canna da pesca non la sa tenere nemmeno in mano.

Anche qui, il programma è molto godibile, lui è un grande attore di teatro e forse questa è l’unica produzione che rispetta alcuni canoni vicini alla pesca moderna. Ma la vera pesca è poca  roba.

Poi ci sono i programmi che nella loro spettacolarità, detesto...e mi spiego.

Recentemente in una manifestazione italiana è stato invitato come “Guest star” (??) uno dei personaggi di questi programmi. Per carità, persona squisita, pescatore di grandissimo rilievo ed esperienza ma “pescatore professionista” non angler sportivo ricreativo.

Ma,allora cosa diavolo c’entra uno che di professione pesca e ammazza tonni rivendendol,i con una gara di pesca basata sul catch and release?

Nulla..... e questa scelta è sbagliata perché il messaggio che viene inviato da queste serie televisive francamente orrende è totalmente sbagliato ed infatti l’IGFA non solo ne prende le distanze ma, ha più volte protestato con le emittenti internazionali che promuovono questo scempio!

I pesci vengono presi, raffinati e venduti a suon di dollari creando così la certezza che questa sia una strada percorribile quando invece in Italia (in Europa) tutto questo, se non si è professionisti con licenza, è proibito. Non è pesca, non si rispettano regole eppure alcuni dei protagonisti diventano delle star che la pesca italiana cerca per gli eventi. Cosa c’è di sbagliato? Scarsa cultura, ricerca dell’evento a tutti i costi, voglia di finti miti?

Siamo alla sottocultura per cui tutto ciò che viene dall’altra parte dell’Oceano è “leggenda” , “mito” etc.etc. con una serie di aggettivi che lasciano stupito lo stesso interlocutore.

Tutti a farsi la foto con questo gentiluomo che con la nostra pesca , non c'entra assolutamente nulla.

Ma è "ammericano", fa delle comparsate su un grande canale internazionale, ammette di andare sul pesce dopo che i suoi lo hanno combattuto per anche due ore e solo al momento della ripresa (IGFA rule??) e siamo tutti li a fare la coda per farci una foto. Fessi noi che invece da anni proviamo a diffondere messaggi positiv che ci spezziamo la schiena per rispettare le regole etiche del combattimento "1 contro 1" e senza mai passare la canna a terzi......

Ma come? Noi stiamo combattendo una guerra per dimostrare che la pesca sportivo / ricreativa è “altro” e inneggiamo un professionista che (legittimamente dal suo punto di vista) con noi, condivide solo una lenza ed un amo ma non la difficoltà del combattimento, visto che la canna è solidale con la barca e non viene mossa (Igfa rule), usa fili da 200 libbre e raffia per poi vendere. 

Cosa c’entra con la pesca sportiva? 

Nulla oppure…..oppure, non è che siamo in troppi ad essere esattamente così??

Precedente | Successivo

Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)
*La tua email non sarà pubblicata
Autorizzo il trattamento dei miei dati secondo l'informativa privacy.
Codice di
controllo

News
Parliamo dell'apertura alla trota? Rito o mattanza annuale? Continua..
Me ne torno a casa dopo Vicenza 2017-Pescare Show con molto entusiasmo personale e altrettante perplessità sul reale stato delle cose. ma vado per gradi. Continua..
Il perché si chiude una porta legata ai canali a pagamento e si apre un portone fatto di televisione in chiaro. Continua..
Uno stralcio di SurfCasting Academy , il nuovo libro sul surf in uscita tra un mese circa. Tanto per fare chiarezza e tranquillizzare chi vorrebbe dei meriti che ha solo in parte e mi scrive stizzito dopo 20 anni... Continua..
Una meravigliosa scoperta, la riprova che con entusiasmo e sacrificio si possono creare angoli di paradiso; Tail Water Tevere a Sansepolcro Continua..
Da anni cerchiamo di rendere la pesca sportiva eco compatibile, sostenibile. Da anni proviamo a diffondere un comportamento etico che ci renda inattaccabili e nel frattempo la televisione generalista propone esempi del tutto opposti. Continua..
Partita persa oppure esiste ancora una flebile luce? Credo sia difficile pensare positivo perché manca la cultura della pesca ricreativa e sportiva e le leggi non ci aiutano affatto. Continua..
Ho scritto una lettera al portavoce dei 5Stelle Liguria che si era espresso in modo assai poco convincente sulla pesca ricreativa. Aspetto risposta graditissima. Continua..
Firmare la mozione dela FIPSAS per fermare una legge beffa ai danni di tutti noi. Continua..
Il Testo unificato che crea la licenza di pesca in mare va fermato prima che lo scandalo si consumi ai danni di tutti noi. Più che scandalo, una enorme presa per i fondelli a 1.5 milioni di appassionati! Continua..
Un editoriale scritto nel 2009 che ripubblico volentieri visto che adesso si scopre che dietro la pesca sportiva potrebbe esserci un mucchio di posti di lavoro.. Continua..
Polemiche sterili su parole mai dette. Serve una mente aperta e sopratutto, una maggiore tolleranza. Continua..
Una riflessione sulla indecente proposta e il link dove scaricare il modulo per dire: NO! Continua..
Ecco il testo integrale della lettera aperta inviata da EFSA al Ministro delle POlitiche Agricole (MIPAAF) Continua..
Nelle proposta di legge presentata dal Dep. Oliverio viene messo nero su bianco che dietro la pesca illegale e il commercio illegale di pesci si cela .....la pesca ricreativa.....Ora forniscano le prove... Continua..
Un Deputato propone la licenza di pesca in mare e contemporaneamente, più fondi a sostegno dei professionisti. Togliere a noi per dare alle reti? Non mi pare una buona idea e non se ne sono valutati i rischi... Continua..
Eccellenze italiane che stanno dimostrando come la pesca sia uno strumento moderno e efficace per creare lavoro; una ricetta fatta di amore, professionalità e zero chiacchiere! Continua..
La farsa italiana di voler dire che la carpa, con 2000 anni di cittadinanza italiana è alloctona. Pertanto è tra le specie invasive e deve essere distrutta.Lascio perdere i commenti che si ascoltano all'estero... Continua..
Chiusa la pesca al tonno senza aver avuto la possibilità di immergere le lenze che anche quest'anno, pur pronte all'uso, sono rimaste all'asciutto...Intanto i furbi continueranno a farsi i comodi loro... Continua..
Aprire le menti e provare a dialogare. Non è una impresa facile provare a capire in un panorama contorto e pieno di contraddizioni come quello della pesca italiana Continua..
Accampare diritti? Tradizione nazionale!! Doveri? Pochi e sopratutto, che siano un problema di altri..Questa è la pesca ricreativa? Continua..
La pesca del tonno per i ricreativi è una farsa; me ne sto convincendo velocemente.La politica si fa beffe ma noi ci mettiamo il carico da quaranta con comportamenti che devono essere messi al bando e denuncia Continua..
Senza vergogna, senza nemmeno nascondere che si commettono reati. Una brutta pagina che l pesca ricreativa sta scrivendo e che non smette di scrivere, incapace com'è, di crescere culturalmente. Continua..
I retroscena di The King Fishers per Nat Geo, una bella esperienza internazionale con tanta luce e qualche ombra fastidiosa! Continua..
Archivio News
 
Social
 
Ricerca