pubblicato il 25/12/16

Surfcasting Academy; Appunti di storia

Chi segue la pesca sportiva anche distrattamente tende ad accostare il mio nome al carpfishing e tutti gli angler con meno di 25 anni di età si sono domandati come mai, mi interesso in video, in televisione ed anche su carta, di surfcasting. In realtà è stata una scelta quasi obbligata dopo aver prodotto una serie televisiva “Emozione Carpfishing” che è probabilmente insuperabile e irripetibile al punto che il canale televisivo, ha deciso di non replicarla cancellando questa tecnica dal palinsesto..… Scelte che non commento A quel punto ho deciso di dedicare gran parte delle mie energie a raccontare il surf attraverso gli oltre 90 video girati per Surf Casting Adventures, una serie che non verrà più replicata perché si è interrotto, finalmente, il rapporto di collaborazione con quel canale visto da pochi, troppo pochi.

Una cosa è sempre stata importante per me, che amo la pesca a tutto tondo; vorrei non essere mai solo considerato un carpista ma, un angler che cerca la completezza e che ha anche avuto un passato ed un futuro, legato indissolubilmente al surf casting così come al carpfishing ma anche alla pesca a mosca che pratico da molti lustri.

La storia che vorrei raccontare ha inizio quando conobbi Sandro Meloni nel negozio cagliaritano di Gianpaolo Carta e usuale ritrovo di tanti surfisti. Ero nel capoluogo sardo per lavoro; volavo sui caccia e la vicina Decimomannu era la “base” per eccellenza, quella in cui si formavano gli Istruttori di Tiro ovvero, i top gun nazionali. Dovendo rimanere in Sardegna per circa 4 mesi, avevo con me tutta l’attrezzatura da pesca basata  su  Silstar telescopiche capaci di lanciare oltre 180 grammi. All’epoca pescavo nella zona del Gargano ed i risultati, se dal molo erano accettabili, tali non potevano essere considerati da spiaggia laddove, non raggiungevo distanze e catturavo assai poco. La molla del surf era scattata leggendo uno Speciale sul Surf di Pesca In Mare che avevo divorato senza peraltro apprendere molto. Le immagini parlavano da sole e l’idea che esistessero dei marziani del mare vestiti con tute da sci che con tanto di Moon-boot (le scarpe da neve dell’epoca), sfidavano le spiagge in caccia di orate e spigole, mi aveva colpito a tal punto da non poter pensare ad altro. C’erano tutti gli ingredienti per colpire la mia attenzione; catture eccezionali spiaggia immacolate, onde superbe e vento teso in faccia a fare di questa pesca, “la pesca” per eccellenza.

Quando mi comunicarono che avrei dovuto trascorrere almeno quattro mesi nell’isola di quelle spiagge, feci salti di gioia poiché potevo vivere una importante esperienza professionale e, contemporaneamente, scoprire il surf e la sua magia direttamente dai Maestri sardi.

Le prime settimane non furono facili e l’unico referente era, per l’appunto, quel piccolo negozio con annesso distributore di benzina che si trovava a poche centinaia di metri dal mio albergo cagliaritano. Attaccavo bottone a Gianpaolo e cercavo di capire cos’era la pesca dalla spiaggia facendomi mettere a posto una attrezzatura che era evidentemente sbagliata fino a quando, quel grande Maestro si illuminò e mi spiegò che a Quartu Sant’Elena viveva il numero uno indiscusso di questa tecnica di pesca e che per giunta, era anche un appassionato di aerei da caccia. Fu una grande botta di fortuna al punto che dopo poche ore, mi ritrovai davanti al Vate del Surf, senza sapere se esserne intimidito oppure, imbarazzato. Onestamente, sapevo poco di lui…avevo letto la rivista concorrente a quella in cui lui produceva i suoi scritti…..Ma l’imbarazzo durò pochissimo.

Sandro Meloni mi colpì subito perché era uomo pragmatico e diretto. Sapeva molto di aerei, di elettronica applicata ai caccia, di armamenti e nel corso di quella prima chiacchierata, arrivò così dentro queste tematiche da farmi sinceramente pensare che fosse in qualche modo “troppo interessato” a certe informazioni, per essere un semplice appassionato. 

Che i nostri incontri fossero positivi ed esistesse “feeling”, lo scoprii il giovedì successivo quando il Sandro mi invitò a partecipare ad una uscita di pesca con il suo gruppo.

Fu l’occasione per conoscere Sergio Simonelli, Walter Deiana e quello che divenne un grandissimo amico, Marco Falchi.

In sintesi avevo fatto conoscenza con il Quater, la mitica squadra di surf di Meloni e il vero treno di tutto ciò che era sperimentazione e sviluppo di quel epoca. Da quel momento i miei week end divennero un susseguirsi di spiaggia sebbene, non sempre con risultati brillanti. Il venerdi ero con il Quater e il sabato sera ero invece con Gianpaolo Carta e le sue orate di Platamona, Santa Teresa e Badesi. L’immersione nel surf fu assolutamente totale e tale fu l’intensità di quelle lezioni che  ancor oggi ricordo passo per passo le situazioni, le catture e di momenti più importanti.

Dopo quei quattro fantastici mesi, tornai a Foggia dove volavo giornalmente anche se quasi ogni week end trovavo il modo di tornare a Cagliari oppure ad Alghero per poter incontrare il Quater oppure, solo Marco Falchi.

Furono stagioni incredibili poiché il surf era una specie di uragano, Surf Casting Italia era all’apice  del successo (anche se c’era già aria di scissione da parte degli amanti dell’agonismo) e Meloni era il Capo indiscusso del Quater e di tutto ciò che era sabbia e onda. Dopo circa due anni di apprendistato, fu proprio Meloni davanti a tutto il Quater (anche se nel frattempo Simonelli stava abbandonando per ragioni di lavoro e familiari) a comunicarmi che sarei entrato a fare parte del gruppo più esclusivo ed elitario.

Un piemontese trapiantato a Foggia che entrava in un “covo di sardi”; fu un onore unico!

Non credo ne fossi veramente all’altezza ma certamente in me, Sandro aveva visto quella feroce voglia di emergere e diventare un “beachman”  vero. 

La pesca con i Quater era quella di una orchestra che si muove sotto gli ordini di un direttore preciso e carismatico. Meloni dettava i tempi, spiegava l’obbiettivo della sessione e commentava le varie fasi fino ad arrivare alle conclusioni che servissero da lezione. Falchi, Deiana e io stesso, eseguivamo nella convinzione che ogni singolo momento fosse un pozzo di tecnica da cui attingere.

Era l’esaltazione del lavoro di gruppo, una lezione che ho poi fatto mia in tutti gli anni a seguire.

Il surf e la sua tecnica , grazie al Quater, subisce una accelerazione straordinaria di cui tutti hanno poi beneficiato.

E di cui molti, surfisti di oggi, sono totalmente ignari.

Precedente | Successivo

Commenti

Icona utente Mauro Lausdei il 02/02/17
Ti conosco, Roberto, come un uomo che ha il coraggio della coerenza, della onestà intellettuale. Confrontarsi con il passato, trarne insegnamenti ed impulso per migliorare, per superare i nostri limiti. Molti sono ignari, è vero e tanti non vogliono conoscere. Ma non si può avere un grande futuro... senza un grande passato. Ti auguro ogni bene. Ci vediamo presto. Ciao!

Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)
*La tua email non sarà pubblicata
Autorizzo il trattamento dei miei dati secondo l'informativa privacy.
Codice di
controllo

News
Parliamo dell'apertura alla trota? Rito o mattanza annuale? Continua..
Me ne torno a casa dopo Vicenza 2017-Pescare Show con molto entusiasmo personale e altrettante perplessità sul reale stato delle cose. ma vado per gradi. Continua..
Il perché si chiude una porta legata ai canali a pagamento e si apre un portone fatto di televisione in chiaro. Continua..
Uno stralcio di SurfCasting Academy , il nuovo libro sul surf in uscita tra un mese circa. Tanto per fare chiarezza e tranquillizzare chi vorrebbe dei meriti che ha solo in parte e mi scrive stizzito dopo 20 anni... Continua..
Una meravigliosa scoperta, la riprova che con entusiasmo e sacrificio si possono creare angoli di paradiso; Tail Water Tevere a Sansepolcro Continua..
Da anni cerchiamo di rendere la pesca sportiva eco compatibile, sostenibile. Da anni proviamo a diffondere un comportamento etico che ci renda inattaccabili e nel frattempo la televisione generalista propone esempi del tutto opposti. Continua..
Partita persa oppure esiste ancora una flebile luce? Credo sia difficile pensare positivo perché manca la cultura della pesca ricreativa e sportiva e le leggi non ci aiutano affatto. Continua..
Ho scritto una lettera al portavoce dei 5Stelle Liguria che si era espresso in modo assai poco convincente sulla pesca ricreativa. Aspetto risposta graditissima. Continua..
Firmare la mozione dela FIPSAS per fermare una legge beffa ai danni di tutti noi. Continua..
Il Testo unificato che crea la licenza di pesca in mare va fermato prima che lo scandalo si consumi ai danni di tutti noi. Più che scandalo, una enorme presa per i fondelli a 1.5 milioni di appassionati! Continua..
Un editoriale scritto nel 2009 che ripubblico volentieri visto che adesso si scopre che dietro la pesca sportiva potrebbe esserci un mucchio di posti di lavoro.. Continua..
Polemiche sterili su parole mai dette. Serve una mente aperta e sopratutto, una maggiore tolleranza. Continua..
Una riflessione sulla indecente proposta e il link dove scaricare il modulo per dire: NO! Continua..
Ecco il testo integrale della lettera aperta inviata da EFSA al Ministro delle POlitiche Agricole (MIPAAF) Continua..
Nelle proposta di legge presentata dal Dep. Oliverio viene messo nero su bianco che dietro la pesca illegale e il commercio illegale di pesci si cela .....la pesca ricreativa.....Ora forniscano le prove... Continua..
Un Deputato propone la licenza di pesca in mare e contemporaneamente, più fondi a sostegno dei professionisti. Togliere a noi per dare alle reti? Non mi pare una buona idea e non se ne sono valutati i rischi... Continua..
Eccellenze italiane che stanno dimostrando come la pesca sia uno strumento moderno e efficace per creare lavoro; una ricetta fatta di amore, professionalità e zero chiacchiere! Continua..
La farsa italiana di voler dire che la carpa, con 2000 anni di cittadinanza italiana è alloctona. Pertanto è tra le specie invasive e deve essere distrutta.Lascio perdere i commenti che si ascoltano all'estero... Continua..
Chiusa la pesca al tonno senza aver avuto la possibilità di immergere le lenze che anche quest'anno, pur pronte all'uso, sono rimaste all'asciutto...Intanto i furbi continueranno a farsi i comodi loro... Continua..
Aprire le menti e provare a dialogare. Non è una impresa facile provare a capire in un panorama contorto e pieno di contraddizioni come quello della pesca italiana Continua..
Accampare diritti? Tradizione nazionale!! Doveri? Pochi e sopratutto, che siano un problema di altri..Questa è la pesca ricreativa? Continua..
La pesca del tonno per i ricreativi è una farsa; me ne sto convincendo velocemente.La politica si fa beffe ma noi ci mettiamo il carico da quaranta con comportamenti che devono essere messi al bando e denuncia Continua..
Senza vergogna, senza nemmeno nascondere che si commettono reati. Una brutta pagina che l pesca ricreativa sta scrivendo e che non smette di scrivere, incapace com'è, di crescere culturalmente. Continua..
I retroscena di The King Fishers per Nat Geo, una bella esperienza internazionale con tanta luce e qualche ombra fastidiosa! Continua..
Archivio News
 
Social
 
Ricerca