pubblicato il 10/11/13

Qualche giorno fa appare su Facebook la foto di un tizio che mostra un tonno rosso sotto misura, preso certamente in periodo di chiusura. Ignoranza o imbecillità pura? Oppure, certezza dell'impunità o arroganza che insulta tutti color che rispettano le regole?

Non appena criticato e beccato in fallo, la foto sparisce e i maledetti che lo hanno beccato vengono cancellati dalla lista degli "amici".

....Ciccio....., sei stato beccato, speriamo ti vengano a chiedere il conto quelli della Capitaneria.......

E qui mi fermo perché ho un fegato solo.

Forse è sempre stato così ma, adesso che ci sono dentro da qualche annetto, mi rendo conto di quante storture esistano e di quanto sia bassa la maturità media degli attori in gioco.

Non salvo nessuno, nemmeno me stesso. La pesca ricreativa e i pescatori ricreativi sono un bel casino. Detto con affetto visto che ne faccio parte e condivido questo amore viscerale per la pesca a tutto tondo.

Facciamo un passo indietro.....

Quest’anno vengono assegnate 40 tonnellate ai ricreativi e subito si sollevano i calici perché la quota del MIPAAF è aumentata di oltre il doppio; molti degli addetti ai lavori storcono il naso ben sapendo che si tratta di un mezzo bluff ed alla fine hanno assolutamente ragione poiché con un beffardo decreto a firma di un ministro appena sceso dal treno (o dall’aereo, fate voi), la quota viene portata a 10 tonnellate. Facciamo un conto rapido sulla base media di peso sui 50 kg a pesce; sono circa 200 tonni da dividersi per circa 5000 barche che hanno richiesto il permesso.  200 tonni sono una calata di rete ben fatta da un long liner quindi tutti i pescatori ricreativi italiani che spendono milioni di euro in attrezzature e in benzina (ricordiamolo sempre, noi che non abbiamo incentivi o aiuti di Stato), contano un bel due di picche rispetto ad una qualsiasi carretta del mare che probabilmente distrugge in una settimana quello che noi possiamo fare in un anno. Bene oppue...., male..., non mi interessa; io rilascio.

Prenderei a pedate chi ha fatto fimare questo ennesimo schiffo ai ricreativi italiani per favorire una lobby di distruttori... visto non siamo noi ad arare sistematicamente ogni centimetro del Mediterraneo con reti che entrano nelle aree marine protette,, che seviziano tratti di costa in barba alle profondità minime e che distruggono ogni forma di vita gettando in mare ciò che non serve visto che migliaia di gabbiano seguono ogni peschereccio al rientro…

Al momento della concessione delle quote avevamo sentito dei piagnistei indecorosi del tipo:

“ Bisogna aumentare le quote perché i tonni stanno mangiando tutte le sardine” …

A parte il fatto che è il mare sarebbe cosa loro (dei tonni dico, non dei professionisti), non viene in mente a nessuno che invece sarebbe logico proibire al pesca delle sardine proprio per tutelare i branchi di tonni?

In Italia è argomento che non può essere nemmeno pensato….Come cakkio facciamo la pasta con le sarde ...eppoi le alici sottolio sono una squisitezza.

Peccato che siano anche la ragione numero 1 in Italia dei casi di Anisakis perché la marinatura non uccide il parassita.....Ma questa è altra storia.

Il catch and release va proibito perché i tonni vanno a morire e noi ce li ritroviamo nelle reti”

Quindi in tutto il resto del mondo in cui si pratica il c&r sono dei fessi mentre noi conosciamo “la verità”.

Azz...questi italiani , hanno un paese che sta andando allo sfascio per colpa loro e insegnano al resto del mondo come si fa....

Ahhhhh....sono tutti CT della nazionale di calcio, questo lo dimenticavo!

Certo, qualche tonno stressato può anche andare a morire sul fondale, qualche ricreativo non conosce ancora le tecniche di rilascio ma, che percentuale si salva? Lasciamo perdere queste cose, volano troppo in alto.

Parliamo delle cianciole che in una notte hanno disintegrato le ricciole nell’AMP di Tor Paterno a Roma???

…Evitiamo altrimenti rischio l'incolumità....

Ma anche dalla parte nostra c’è bisogno di una forte  autocritica; troppi tonni vengono presi e non dichiarati, troppi tonni vengono catturati in periodi di chiusura, troppi tonni vengono venduti in barba a tutte le regole.

Chi vende un tonno perde lo status di “ricreativo” e diventa un “bracconiere ed evasore fiscale” e come tale va trattato,  poco importa se è il nostro vicino di barca.

Certo, in Italia abbiamo un evasore fiscale acclarato e condannato peri fondi neri che fa e disfa la politica .....per cui questa parola ha forse perso valore ma….lasciamo perdere.

Troppi sono i furbi che danneggiano anche chi crede invece che sia giusto comportarsi seguendo le regole. Questi comportamenti illegali favoriscono quella campagna, mica tanto sotterranea, che vuole la “quota zero” e la fine della pesca ricreativa del tonno rosso. Perché questa è la strada che si vuole intraprendere e poco importa se solo di benzina vengono dati allo Stato Italiano, milioni di euro in accise e altrettanti in IVA per le attrezzature e si tenga in piedi un sistema di negozi e attività industriali delicato ma vitale.

Ma allora, se penso a questa forma di violenza che viene perpetrata contro i ricreativi a vantaggio di chi produce un indotto inferiore al nostro e gode di aiuti continui mi viene da pensare….…. è una battaglia ersa in partenza oppure, insisti e insisti riusciremo a far cambiare la testa a qualcuno?

Sarebbe un grande successo riuscire ad evitare le mattanze di tonnetti, sarebbe un successo obbligare la gente a sapere cosa sta pescando, sarebbe un successo bandire dalla pesca ricreativa chi vende il pesce...ma sto correndo troppo questo mi è ben chiaro.

Intanto sostengo l'Alleanza Pescatori Ricreativi e il lavoro che IGFA, EFSA e Big Game Italia stanno facendo, ma questo non basta.

No, non basta affatto, serve molto altro. Servono gli artificial reef per proteggersi contro lo strascico. Serve bandire una volta per tutte le cianciole e le turbo soffianti.

Serve entrare nei mercati ittiici e impedire il commercio di pesce sotto misura. E cacciare coloro che si voltano dall'altra parte quando sono preposti al contriollo. Paese senza legge e senza Stato senza diritto.

E qui mi fermo perché sono un semplice angler che sogna.

Precedente | Successivo

Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)
*La tua email non sarà pubblicata
Autorizzo il trattamento dei miei dati secondo l'informativa privacy.
Codice di
controllo

News
Parliamo dell'apertura alla trota? Rito o mattanza annuale? Continua..
Me ne torno a casa dopo Vicenza 2017-Pescare Show con molto entusiasmo personale e altrettante perplessità sul reale stato delle cose. ma vado per gradi. Continua..
Il perché si chiude una porta legata ai canali a pagamento e si apre un portone fatto di televisione in chiaro. Continua..
Uno stralcio di SurfCasting Academy , il nuovo libro sul surf in uscita tra un mese circa. Tanto per fare chiarezza e tranquillizzare chi vorrebbe dei meriti che ha solo in parte e mi scrive stizzito dopo 20 anni... Continua..
Una meravigliosa scoperta, la riprova che con entusiasmo e sacrificio si possono creare angoli di paradiso; Tail Water Tevere a Sansepolcro Continua..
Da anni cerchiamo di rendere la pesca sportiva eco compatibile, sostenibile. Da anni proviamo a diffondere un comportamento etico che ci renda inattaccabili e nel frattempo la televisione generalista propone esempi del tutto opposti. Continua..
Partita persa oppure esiste ancora una flebile luce? Credo sia difficile pensare positivo perché manca la cultura della pesca ricreativa e sportiva e le leggi non ci aiutano affatto. Continua..
Ho scritto una lettera al portavoce dei 5Stelle Liguria che si era espresso in modo assai poco convincente sulla pesca ricreativa. Aspetto risposta graditissima. Continua..
Firmare la mozione dela FIPSAS per fermare una legge beffa ai danni di tutti noi. Continua..
Il Testo unificato che crea la licenza di pesca in mare va fermato prima che lo scandalo si consumi ai danni di tutti noi. Più che scandalo, una enorme presa per i fondelli a 1.5 milioni di appassionati! Continua..
Un editoriale scritto nel 2009 che ripubblico volentieri visto che adesso si scopre che dietro la pesca sportiva potrebbe esserci un mucchio di posti di lavoro.. Continua..
Polemiche sterili su parole mai dette. Serve una mente aperta e sopratutto, una maggiore tolleranza. Continua..
Una riflessione sulla indecente proposta e il link dove scaricare il modulo per dire: NO! Continua..
Ecco il testo integrale della lettera aperta inviata da EFSA al Ministro delle POlitiche Agricole (MIPAAF) Continua..
Nelle proposta di legge presentata dal Dep. Oliverio viene messo nero su bianco che dietro la pesca illegale e il commercio illegale di pesci si cela .....la pesca ricreativa.....Ora forniscano le prove... Continua..
Un Deputato propone la licenza di pesca in mare e contemporaneamente, più fondi a sostegno dei professionisti. Togliere a noi per dare alle reti? Non mi pare una buona idea e non se ne sono valutati i rischi... Continua..
Eccellenze italiane che stanno dimostrando come la pesca sia uno strumento moderno e efficace per creare lavoro; una ricetta fatta di amore, professionalità e zero chiacchiere! Continua..
La farsa italiana di voler dire che la carpa, con 2000 anni di cittadinanza italiana è alloctona. Pertanto è tra le specie invasive e deve essere distrutta.Lascio perdere i commenti che si ascoltano all'estero... Continua..
Chiusa la pesca al tonno senza aver avuto la possibilità di immergere le lenze che anche quest'anno, pur pronte all'uso, sono rimaste all'asciutto...Intanto i furbi continueranno a farsi i comodi loro... Continua..
Aprire le menti e provare a dialogare. Non è una impresa facile provare a capire in un panorama contorto e pieno di contraddizioni come quello della pesca italiana Continua..
Accampare diritti? Tradizione nazionale!! Doveri? Pochi e sopratutto, che siano un problema di altri..Questa è la pesca ricreativa? Continua..
La pesca del tonno per i ricreativi è una farsa; me ne sto convincendo velocemente.La politica si fa beffe ma noi ci mettiamo il carico da quaranta con comportamenti che devono essere messi al bando e denuncia Continua..
Senza vergogna, senza nemmeno nascondere che si commettono reati. Una brutta pagina che l pesca ricreativa sta scrivendo e che non smette di scrivere, incapace com'è, di crescere culturalmente. Continua..
I retroscena di The King Fishers per Nat Geo, una bella esperienza internazionale con tanta luce e qualche ombra fastidiosa! Continua..
Archivio News
 
Social
 
Ricerca