pubblicato il 13/10/14



Premetto che non so chi sia Nicodemo Oliviero nè mi interessa sapere che è un politico di professione che forse non ha mai lavorato un giorno in vita sua come testimonia la potente attività politica (....)  di cui è protagonista.

“Già esponente della Democrazia Cristiana, segretario organizzativo della Margherita, aderisce al Partito Democratico.
Attualmente è capogruppo per il Pd alla commissione agricoltura della camera dei deputati.Nel 2009 imputato in uno dei processi sullo scandalo del patrimonio scomparso della Democrazia Cristiana, accusato con altre 14 persone per bancarotta fraudolenta documentale e patrimoniale aggravata.
Altro protagonista è tal dal Giuseppe RUVOLO da Agrigento (ex PdL ora nel GAL), primo firmatario dell’emendamento in arte, Senatore della repubblica.
Stiamo parlando di chi ha proposto quella delirante proposta che porterebbe i ricreativi a pagare una licenza per passare i soldi ai professionisti. Solo per il mal di fegato che questi due tizi hanno causato a migliaia di noi ci sarebbe da denunciarli per danno morali e materiali oltre che per altri reati per il semplice motivo che le loro proposte allontanano l’Italia dal mondo reale mantenendola nel medioevo nel quale sono evidentemente cresciuti e pasciuti. Se non fosse che si tratta di una cosa maledettamente seria, ci sarebbe da prenderla a ridere quasi che questa sia una semplice manovretta per racimolare qualche consenso ma , mi domando inquieto, questi due tizi sanno di cosa stanno parlando?
Credo assolutamente di no perché tale e tanta e la sproporzione tra il mondo della pesca ricreativa e l’indotto che rappresenta e gli operatori che andrebbero a beneficiare dell’ennesima regalia che è difficile non verificare che ci sono 1, 2-1,3 milioni di pescatori con la canne e 19500 operatori con la rete. Ma le persone che verrebbero coinvolte in questo scandaloso provvedimento, sono assai di più perché ogni famiglia all’interno della quale vive un ricreativo con barca si ritroverebbe a sopportare un ulteriore balzello di 100-200(?) euro del tutto ingiustificato. Quindi questi tizi, deputati pagati con le nostre tasse, stanno facendo stra- incazzare diciamo 3-4 milioni di persone..tanto basterebbe ai loro capi gruppo parlamentari per metterli a tacere in uno sgabuzzino.
Ci si attacca alla pesca ricreativa che è un enorme bacino da cui lo Stato beneficia in termini di tassazione e un piccolo esempio personale (e me ne scuso) può dare una idea delle dimensioni di questo contributo.
Ho una barca che ho comprato usata perché nuova non me la potrei permettere visti i costi in Italia (negli USA l’avrei comprata nuova di zecca ad un terzo del costo italiano).

E’ una bella barca e con qualche sforzo e sacrificio (non fumo, non ho altre spese se non quelle quotidiane per vivere) la mantengo accettando le mille stranezze che arrivano tra capo e collo per spillarci soldi.  e che stanno uccidendo la nautica. La mia barca, per una uscita in mare di 6 ore consuma mediamente 100 litri che al costo strozzino del mio porto (dove sono OBBLIGATO a fare benzina perché è chiaramente proibito travasarla da altre fonti per mille buone ragioni) di 1.955 euro al litro e questo  mi porta a sganciare, 195,5 euro a pescata.

Di queste ne verso 117,25 direttamente nelle tasche dello Stato per accise benzina

In una stagione di pesca, riesco a fare anche 40 uscite in mare per cui facendo una media ponderata da 80 euro a uscita, in sole accise ( a volte si pesca per 2 ore a volte per 8 etc..) verso 3200 euro.

Solo di barche autorizzate alla pesca del tonno rosso (altra buffonata ciclopica) , mi pare ne esistano 5000 forse meno visto che molti smettono per lo schifo.
Allora moltiplicando  se non ho sbagliato, siamo a 16 milioni di euro di sole accise benzina per un ristretto numero di barche.
Quindi i soldi che incamera lo stato da una stretta aliquota di persona (5000 barche su un parco di censiti di 1 milione di pescatori) sono molti e nessuno forse di questi ci fa caso....

Immaginiamo solo pe run istante che razza di danno questi due deputati e i loro sodali possono cagionare alle casse dello Stato se da domani mattina , chi può porta le barche all'estero (Croazia, Tunisia), chi smette e chi invece decide di ridurre solo del 30% le proprie uscite.

Aggiungo un altro aspetto che è ancora una volta personale...ma non troppo. Per pescare in mezzo alle reti della piccola pesca, alle cianciole e a palamiti pago 90 euro per l'accesso ad una AMP....Ma sono bazzecole a cui non sono costretto da nessuno per cui toglierò certamente questa forma di finanziamento.....E se lo facessimo in moltissimi le AMP perderebbero una importante forma di sostegno.

D'altra parte pagando una licenza mi aspetto di vedere tutti i giorni la Capitaneria presidiare le aree sensibili. Ma lasciamo perdere.

Mentre regaliamo tutti questi soldi vedo pescherecci strascicare in 20 metri d’acqua, turbo soffianti distruggere tutto in 3 metri, chilometri di reti all’imboccatura dei porti e delle foci (al punto da aver soccorso una barca che in piena foce è rimasta incagliata con l’elica in un tramaglio...), vedere la pulizia reti che scarica in mare milioni di pesci inutili ma finiti nella sacca, cianciole che in piena notte entrano nelle AMP e tolgono in 10 minuti tutto ciò che noi ricreativi possiamo prelevare in 10 anni, quote tonno sforate di continuo e che poi vengono alimentate con le quote a noi assegnate, nessun rispetto per una benché minima misura minima etc.etc.etc.
Mistero dei misteri, su Mediaset e Rai passano programmi in cui si parla di pesca professionale con toni entusiasti senza mai approfondire i danni che questi hanno causato al nostro mare di cui sono tiranni indisturbati.
A Radio 2, in diretta, un loro rappresentante ebbe l’ardire di affermare che i ricreativi alimentano un mercato illegale e che se manca il pesce per loro è anche perché “noi” glielo togliamo. Io sono intervenuto come ascoltatore ma è stato tempo perso.
Questa fandonia che meriterebbe una querela per diffamazione appare anche all’interno della proposta di legge come paletto portante di un ragionamento delirante!
A questo punto non posso che verificare che questa linea di pensiero è quella su cui è stato dettato il decreto. Dettato, non suggerito che i politicanti in questione sono solo dei meri esecutori.
Ma veniamo alla pesca da terra per la quale dovrei pagare un balzello di 10-20(?) euro.
Mi ritrovo a girare un video di surf, inizio le riprese (costi vivi evidenti, stiamo lavorando) e arriva la barchetta della piccola pesca e senza manco guardare mi scarica 500 metri di rete sul naso a 50 metri. Riprese finite, lavoro andato a puttane e chi mi ripaga dei costi di benzina, cibo, esche e degli operatori che comunque devono ricevere la loro quota giornaliera? Ma se anche non si parlasse di fare un filmato e si pescasse solo per diletto,  chi rifonde gli appassionati del danno subito? Quante  volte accade in un anno che si subisca questa violenza? Troppe.

Dice bene il Prof. Ugo Claudio Matteoli, Presidente della FIPSAS scrivendo
Se la licenza fosse istituita, e come sopra detto siamo contrari alla sua istituzione, potremmo accettare che una parte dei ricavi fosse destinata ad aumentare il servizio di controllo delle Capitanerie di Porto, dato che è opinione unanime che un maggiore controllo potrebbe essere alla base di una corretta e sostenibile fruizione delle risorse marine e ci consentirebbe di veder aumentare la popolazione ittica oggi praticamente annientata dalla pesca illegale; non siamo invece e non saremo mai disponibili a finanziare le imprese di pesca professionale...”
Non siamo e non saremo mai disponibili a finanziare la pesca professionale e se ciò avverrà, faremo di tutto in tutte le sedi per bloccare questa porcheria che insulta ed offende 1.2 milioni di persone paganti e votanti

Ecco gli indirizzi a cui inviare una mail per protestare (in modo civile) affinché questa proposta venga ritirata. Tutti devono fare la loro parte!

DESTINATARI:
Sen. Giuseppe RUVOLO Gruppo Grandi Autonomie e Libertà (GAL) ?giuseppe.ruvolo@senato.it

On. Nicodemo Nazzareno OLIVIERO (PD) ?oliviero@camera.it
On. Giuseppe CASTIGLIONE  (NCD) Sottosegretario con delega alla Pesca segreteriasottosegretario.castiglione@politicheagricole.it
Dott. Matteo RENZI Presidente del Consiglio – Segretario PD ?centromessaggi@governo.it
On. Maurizio MARTINA (PD) Ministro Mipaaf ?ministro@politicheagricole.it
Sen. Luigi ZANDA Capogruppo PD Senato ?luigi.zanda@senato.it
Sen. Roberto FORMIGONI (NCD) Presidente 9° Commissione permanente Agricoltura ?roberto.formigoni@senato.it
On. Luca SANI Presidente (PD) XIII Commissione Agricoltura ?sani_l@camera.it

Ecco il link dove compilare e scaricare eventualmente il modulo
http://portale.fipsas.it/LinkClick.aspx?fileticket=f1YM0KTL30s%3d&tabid=222&language=it-IT

Precedente | Successivo

Commenti

Icona utente Giuseppe il 10/03/16
Buonasera Per la prima volta entro nel suo sito web e sento il dovere di complimentarmi per l'impegno, sia politico che sportivo. Cercherò di essere un assiduo visitatore per il futuro. Intanto, ed è questa la ragione che mi ha portato al sito, vorrei chiederle: i permessi di pesca sportiva, sono scaduti il 31/12/2015. Al momento non risulta alcuna proroga, come occorre comportarsi ? Nel ringraziarla le auguro buon lavoro. Giuseppe
Icona utente Paola Cingolani il 13/10/14
Quoto in pieno!!! La mia mail è già stata spedita ma l'indirizzo di Nicodemo Oliviero non riceve, così anche quello del centro messaggi. Riproverò.

Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)
*La tua email non sarà pubblicata
Autorizzo il trattamento dei miei dati secondo l'informativa privacy.
Codice di
controllo

News
Parliamo dell'apertura alla trota? Rito o mattanza annuale? Continua..
Me ne torno a casa dopo Vicenza 2017-Pescare Show con molto entusiasmo personale e altrettante perplessità sul reale stato delle cose. ma vado per gradi. Continua..
Il perché si chiude una porta legata ai canali a pagamento e si apre un portone fatto di televisione in chiaro. Continua..
Uno stralcio di SurfCasting Academy , il nuovo libro sul surf in uscita tra un mese circa. Tanto per fare chiarezza e tranquillizzare chi vorrebbe dei meriti che ha solo in parte e mi scrive stizzito dopo 20 anni... Continua..
Una meravigliosa scoperta, la riprova che con entusiasmo e sacrificio si possono creare angoli di paradiso; Tail Water Tevere a Sansepolcro Continua..
Da anni cerchiamo di rendere la pesca sportiva eco compatibile, sostenibile. Da anni proviamo a diffondere un comportamento etico che ci renda inattaccabili e nel frattempo la televisione generalista propone esempi del tutto opposti. Continua..
Partita persa oppure esiste ancora una flebile luce? Credo sia difficile pensare positivo perché manca la cultura della pesca ricreativa e sportiva e le leggi non ci aiutano affatto. Continua..
Ho scritto una lettera al portavoce dei 5Stelle Liguria che si era espresso in modo assai poco convincente sulla pesca ricreativa. Aspetto risposta graditissima. Continua..
Firmare la mozione dela FIPSAS per fermare una legge beffa ai danni di tutti noi. Continua..
Il Testo unificato che crea la licenza di pesca in mare va fermato prima che lo scandalo si consumi ai danni di tutti noi. Più che scandalo, una enorme presa per i fondelli a 1.5 milioni di appassionati! Continua..
Un editoriale scritto nel 2009 che ripubblico volentieri visto che adesso si scopre che dietro la pesca sportiva potrebbe esserci un mucchio di posti di lavoro.. Continua..
Polemiche sterili su parole mai dette. Serve una mente aperta e sopratutto, una maggiore tolleranza. Continua..
Una riflessione sulla indecente proposta e il link dove scaricare il modulo per dire: NO! Continua..
Ecco il testo integrale della lettera aperta inviata da EFSA al Ministro delle POlitiche Agricole (MIPAAF) Continua..
Nelle proposta di legge presentata dal Dep. Oliverio viene messo nero su bianco che dietro la pesca illegale e il commercio illegale di pesci si cela .....la pesca ricreativa.....Ora forniscano le prove... Continua..
Un Deputato propone la licenza di pesca in mare e contemporaneamente, più fondi a sostegno dei professionisti. Togliere a noi per dare alle reti? Non mi pare una buona idea e non se ne sono valutati i rischi... Continua..
Eccellenze italiane che stanno dimostrando come la pesca sia uno strumento moderno e efficace per creare lavoro; una ricetta fatta di amore, professionalità e zero chiacchiere! Continua..
La farsa italiana di voler dire che la carpa, con 2000 anni di cittadinanza italiana è alloctona. Pertanto è tra le specie invasive e deve essere distrutta.Lascio perdere i commenti che si ascoltano all'estero... Continua..
Chiusa la pesca al tonno senza aver avuto la possibilità di immergere le lenze che anche quest'anno, pur pronte all'uso, sono rimaste all'asciutto...Intanto i furbi continueranno a farsi i comodi loro... Continua..
Aprire le menti e provare a dialogare. Non è una impresa facile provare a capire in un panorama contorto e pieno di contraddizioni come quello della pesca italiana Continua..
Accampare diritti? Tradizione nazionale!! Doveri? Pochi e sopratutto, che siano un problema di altri..Questa è la pesca ricreativa? Continua..
La pesca del tonno per i ricreativi è una farsa; me ne sto convincendo velocemente.La politica si fa beffe ma noi ci mettiamo il carico da quaranta con comportamenti che devono essere messi al bando e denuncia Continua..
Senza vergogna, senza nemmeno nascondere che si commettono reati. Una brutta pagina che l pesca ricreativa sta scrivendo e che non smette di scrivere, incapace com'è, di crescere culturalmente. Continua..
I retroscena di The King Fishers per Nat Geo, una bella esperienza internazionale con tanta luce e qualche ombra fastidiosa! Continua..
Archivio News
 
Social
 
Ricerca