pubblicato il 10/03/16

Partendo dal presupposto che non voglio che nemmeno un centesimo dei miei soldi cada a finanziare e sovvenzionare che usa il mare per metterci reti, vorrei analizzare meglio la paradossale situazione che si sta andando a creare con l’eventuale approvazione del Testo unificato sulla Pesca in mare.
Uno scandalo, una vergogna non tanto perché istituisce la licenza di pesca in mare ma, per come vuole spillare soldi a chi già ne caccia tanti per poter vivere una passione. Vergogna!
Questo è un Governo incapace di una decorosa spending review, che prende un aereo in leasing per far spostare un Primo Ministro con manie di grandezza che potrebbe perfettamente utilizzare un A330 del’Alitalia esattamente come fa un Capo di Stato che si chiama Francesco e di professione è Papa....e che fa??

Continua a far usciore soldi dal salvadanaio in tutti i modi e poi, vengono a chiedere tra gli altri, soldi (tasse quindi) ai pescatori sportivi per ripagare i professionisti del fatto che in mare....... non prendono abbastanza per sopravvivere.

Ma in mare no c'è nulla perché lo hanno fatto a pezzi loro! NON tutti, sia chiaro ma, vogliamo dare le responsabilità a chi le ha veramente e smettere di addossare colpe ai ricreativi che fanno meno danni di una brezza?


Uno splendido esempio portato dall’amico Umberto Simonelli, una delle rare teste veramente pensanti della pesca italiana, faceva un parallelo con i funghi.
Diminuiscono i funghi e i cercatori sono in crisi?

Allora si concedono più licenze per raccoglierli e si aumenta la dimensione dei cestini. 

Nella pesca in mare, si aumentano i finanziamenti, gli aiuti e si cerca di salvare una flotta pescherecci che dovrebbe invece essere dimezzata. ma non sono affari miei, io voglio parlare di pesca sportiva. Anzi, si danno più soldi per finte riconversioni e simili amenità....Ma intanto in mare non c'è più nulla e i professionisti lo sannno bene...

Tra l'altro l'imbecillità della nostra politica gli ha pure tolto un pezzo di mare italico guadagnato con il sangue di guerre...!

Parliamo allora del testo che abbiamo letto e che, tra le due perle che ci riguardano indica la possibilità che nelle Consulte delle Aree Marine Protette possano accedervi 3 rappresentati dei pescatori professionisti.

Questo è indice chiaramente della malafede con cui tutto ciò è costruito. Noi siamo 1.5 milioni circa e non possiamo accettare di NON ESSERE nemmeno presi in considerazione. 

Sia chiaro, nulla di personale con chi pesca professionalmente e rispetta le regole ma  parliamo invece di chi mette reti in 50 cm d’acqua bloccando intere spiagge? Le turbo soffianti che distruggono i fondali? le strascicanti entro i 50 metri di profondità? Le cassette di pesce rifiutato e gettato in mare per i gabbiani? Oppure ricordiamo che la pesca ricreativa preleva al massimo il 2% dell’intero pescato ed è invece dipinto come responsabile della fine dei pesci?

Dei tonni che tornano morti in mare a quote sforate? Alle stesse quote che vengono bucate regolarmente e poi si usano mille espedienti per dare la colpa a chi ne pesca uno con la canna?

Oppure diamo la colpa a quel 2% (forse) che prende i pesci e li vende , cosa illegale, vergognosa, indecente ma che è pur sempre di una minuscola minoranza?

Basta, vergognatevi come direbbe Oscar Giannino.

Pagherei volentieri una licenza se questa garantisse controlli, barriere artificiali contro lo strascico, regole ferree contro gli abusi perpetrati dai pescherecci.Allora non fiaterei. Spendo soldi per mille cose e per questa ragione sarei felice di farlo.

Credo di poter rappresentare e parlare anche a nome di molti altri appassionati che in questi giorni mi hanno inondato di chiamate e mail. La sola condivisione sui miei profili ha superato quota 280 quindi molte migliaia di appassionati hanno firmato l’atto predisposto dalla FIPSAS.
Imporre un balzello di qualsiasi entità, per poi girarlo verso le casse della pesca professionale, suona gravemente offensivo ed irrispettoso proprio in virtù dei numeri espressi dal censimento voluto dal MIPAAF; circa un milione di appassionati hobbisti in mare. ( Ma non lobbisti ahimé).

Peccato che manchino all'appello almeno il 50% degli appassionati Medridionali e questa fotogtafia riguardi solo chi pesca in mare.

Vogliamo poi parlare della pagliacciata del mancato rinnovo del "permesso" determinato dal censimento in mancanza dei quali alcun AMP non concedono permssi di pesca sportiva al loro interno...ma li danno ai professionisti. Qualcuno ha pure affermato che in mancanza del tesserino non potremmo più pescare in mare e sdaremmo oggetti di sanzioni.

Per cortesia, qui c'è da scendere in piazza in trentamila e chiedere che qualche testa politica rotoli perché non si prendono per i fondelli milioni di persone per favorirne alcune decine di migliaia...

Ho sempre sostenuto la bontà del censimento voluto qualche anno fa dall'allora Ministro Galan e sostenuto da parte dell'associazionismo ( FIPSAS, EFSA, Big Game) poiché era il modo per definire la reale consistenza del mondo ricreativo italiano e dare al milione di appassionati, quella dignità e voce che fino ad oggi sono state assenti. MI sbagliavo di molto.

Mai avrei voluto vedere tale censimento bassamente strumentalizzato per infliggere ad una categoria immensa e socialmente trasversale, un balzello a favore di chi vive da decenni grazie a  sostegni governativi.
Ma non voglio parlare di altre categorie, non mi interessa e non ne ho titolo.

Dico solo che è ora che FIPSAS, FIPO (che deve smettere di andare per conto proprio), EFSA, APR, IGFA , BIG Game e altre che dimentico, si devono mettere attorno ad un tavolo una volta per tutte e creare un gruppo di forza.

Basta con rese di posizione e che tutti si mettano in testa che dall’altra parte abbiamo gente che è nel Parlamento, è nel Senato e sta decidendo di impedirci di vivere il nostro hobby.

Precedente | Successivo

Commenti

Icona utente Fabio il 23/07/16
no al pagamento, per la pesca in mare.
Icona utente carlo.scarponi il 12/03/16
Ti ho sfiorato in fiera venerdi ma eti occupato quindi non ti ho disturbato. Concordo pienamente con te prima ci hanno contati poi ci vogliono tassare ed ora.siamo.fuorilrgge. Ho firmato contro presso il sito.della Fipsas. Ti seguo su Pesca tv.ciao
Icona utente carlo.scarponi il 12/03/16
Ti ho sfiorato in fiera venerdi ma eti occupato quindi non ti ho disturbato. Concordo pienamente con te prima ci hanno contati poi ci vogliono tassare ed ora.siamo.fuorilrgge. Ho firmato contro presso il sito.della Fipsas. Ti seguo su Pesca tv.ciao
Icona utente Gianni Multineddu il 11/03/16
l'avevo capito quando avevano cercato di censire con la pagliacciata della licenza di pesca gratuita. Vediamo in quanti sono? Subito hanno visto il business.Da un giorno all'altro mi aspettavo che per la licenza avrebbero messo un pagamento. Ed eccola qui

Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)
*La tua email non sarà pubblicata
Autorizzo il trattamento dei miei dati secondo l'informativa privacy.
Codice di
controllo

News
Parliamo dell'apertura alla trota? Rito o mattanza annuale? Continua..
Me ne torno a casa dopo Vicenza 2017-Pescare Show con molto entusiasmo personale e altrettante perplessità sul reale stato delle cose. ma vado per gradi. Continua..
Il perché si chiude una porta legata ai canali a pagamento e si apre un portone fatto di televisione in chiaro. Continua..
Uno stralcio di SurfCasting Academy , il nuovo libro sul surf in uscita tra un mese circa. Tanto per fare chiarezza e tranquillizzare chi vorrebbe dei meriti che ha solo in parte e mi scrive stizzito dopo 20 anni... Continua..
Una meravigliosa scoperta, la riprova che con entusiasmo e sacrificio si possono creare angoli di paradiso; Tail Water Tevere a Sansepolcro Continua..
Da anni cerchiamo di rendere la pesca sportiva eco compatibile, sostenibile. Da anni proviamo a diffondere un comportamento etico che ci renda inattaccabili e nel frattempo la televisione generalista propone esempi del tutto opposti. Continua..
Partita persa oppure esiste ancora una flebile luce? Credo sia difficile pensare positivo perché manca la cultura della pesca ricreativa e sportiva e le leggi non ci aiutano affatto. Continua..
Ho scritto una lettera al portavoce dei 5Stelle Liguria che si era espresso in modo assai poco convincente sulla pesca ricreativa. Aspetto risposta graditissima. Continua..
Firmare la mozione dela FIPSAS per fermare una legge beffa ai danni di tutti noi. Continua..
Il Testo unificato che crea la licenza di pesca in mare va fermato prima che lo scandalo si consumi ai danni di tutti noi. Più che scandalo, una enorme presa per i fondelli a 1.5 milioni di appassionati! Continua..
Un editoriale scritto nel 2009 che ripubblico volentieri visto che adesso si scopre che dietro la pesca sportiva potrebbe esserci un mucchio di posti di lavoro.. Continua..
Polemiche sterili su parole mai dette. Serve una mente aperta e sopratutto, una maggiore tolleranza. Continua..
Una riflessione sulla indecente proposta e il link dove scaricare il modulo per dire: NO! Continua..
Ecco il testo integrale della lettera aperta inviata da EFSA al Ministro delle POlitiche Agricole (MIPAAF) Continua..
Nelle proposta di legge presentata dal Dep. Oliverio viene messo nero su bianco che dietro la pesca illegale e il commercio illegale di pesci si cela .....la pesca ricreativa.....Ora forniscano le prove... Continua..
Un Deputato propone la licenza di pesca in mare e contemporaneamente, più fondi a sostegno dei professionisti. Togliere a noi per dare alle reti? Non mi pare una buona idea e non se ne sono valutati i rischi... Continua..
Eccellenze italiane che stanno dimostrando come la pesca sia uno strumento moderno e efficace per creare lavoro; una ricetta fatta di amore, professionalità e zero chiacchiere! Continua..
La farsa italiana di voler dire che la carpa, con 2000 anni di cittadinanza italiana è alloctona. Pertanto è tra le specie invasive e deve essere distrutta.Lascio perdere i commenti che si ascoltano all'estero... Continua..
Chiusa la pesca al tonno senza aver avuto la possibilità di immergere le lenze che anche quest'anno, pur pronte all'uso, sono rimaste all'asciutto...Intanto i furbi continueranno a farsi i comodi loro... Continua..
Aprire le menti e provare a dialogare. Non è una impresa facile provare a capire in un panorama contorto e pieno di contraddizioni come quello della pesca italiana Continua..
Accampare diritti? Tradizione nazionale!! Doveri? Pochi e sopratutto, che siano un problema di altri..Questa è la pesca ricreativa? Continua..
La pesca del tonno per i ricreativi è una farsa; me ne sto convincendo velocemente.La politica si fa beffe ma noi ci mettiamo il carico da quaranta con comportamenti che devono essere messi al bando e denuncia Continua..
Senza vergogna, senza nemmeno nascondere che si commettono reati. Una brutta pagina che l pesca ricreativa sta scrivendo e che non smette di scrivere, incapace com'è, di crescere culturalmente. Continua..
I retroscena di The King Fishers per Nat Geo, una bella esperienza internazionale con tanta luce e qualche ombra fastidiosa! Continua..
Archivio News
 
Social
 
Ricerca