pubblicato il 06/01/21

Pesca alla carpa, breve storia del video per Deagostini

Avevo conosciuto Mario Molinari alcuni anni prima, durante le varie apparizioni di Paul Kerry in Italia e successivamente, in qualche edizione dei Campionati Italiani di surf ai quali ero stato invitato.

Se avevo  convertito la ia classica “pesca alla carpa” in “carpfishing” passando, da un bel galleggiante e chicchi di mais o palline di polenta, in hair rig e boilies, indirettamente lo dovevo proprio a Mario. Lui non è uno qualsiasi, è stato certamente l’angelo più importante dalla seconda metà degli anni 80 in poi ed è grazie a lui se abbiamo scoperto il ledgering (ora feeder) e la pesca all’inglese!

Mario mi aveva messo in contatto con Paul Kerry per cose di surf visto che dovevo trascorrere, per ragioni professionali, ben tre mesi in Inghilterra nella cittadina di Colchester non lontana da Norwich dove abita Paul. Era una occasione che non potevo farmi scappare perché vi era la concreta possibilità pescare con lui nelle sue spiagge. Questo, devo dire, si verificò quasi subito! Dopo una settimana di Inghilterra avevo pescato con Kerry, incontrato John Holden e conosciuto Dave Docwra! Nomi che magari non dicono molto ad alcuni ma per chi conosce il surf e il long casting sa di chi stiamo parlando.

Accadde però una forte perturbazione con mare impossibile, cancellò una giornata destinata alla spiaggia di Lowestoff destinata ai “cod” (merluzzi) e Paul mi propose di passare la giornata nel laghetto di John Wilson, altro gigantesco monumento della pesca mondiale. Ricordo che Paul mi chiese se ci fossero carpe in Italia e quando gli dissi che ne avevamo molte ed anche molto grosse, mi fece vedere un sacchetto di palline rosse…

Erano dure, rotolate a mano senza dubbio e emanavano il tipico onore dei biscotti per cani. Paul mi disse che avremmo pescato con queste palline ma se avessi preferito pescare in modo tradizionale c’era una canna ed un galleggiante con una scatolina di mais. 

Puntai su questa nuova soluzione e scoprì per bene cosa significava l’innesco a “capello” e come si faceva un rig elementare. Lago era un 8 della Drennan e le canne, delle belle Daiwa con analoghi mulinelli. Il poi era Gardner con avvisatori Optonic.

Quel giorno catturammo qualche decina di carpe, tutte tra i 3 e i 6 kg e rimasi assolutamente sorpreso nel godere di quella giornata e il tutto fu così evidente che Paul mi regalò Carp Fever di Kevin Maddocks oltre ad alcune riviste storiche dell’epoca. Tutto sapeva di nuovo e quando Paul mi chiese se in Italia si praticava questa tecnica di pesca (1987) gli dissi chiaramente che avevamo visto alcuni avvisatori acustici in uno stand ma che non era praticata.

Da quel giorno scoprì un mondo completamente nuovo al punto da portarmi a soppiantare gradualmente il surf e il long casting.

Scrivevo per la rivista Pescare e mi dedicavo al surf tenendo questa nuova tecnica tutta per me e i miei esperimenti!

All’epoca abitavo in Puglia e le mie sessioni videro le acque di due laghi; Occhitto e Capacciotti nei quali le carpe brulicavano! Mai grosse ma, così tante che ogni giornata di pesca era una gioia; anche 20 pesci in poche ore. 

Agli inizi degli anni ’90 fui trasferito a Grosseto e pur continuando a pescare dalla spiaggia, avevo l’ombrine ed un paio di laghetti collinari come sede delle mie esperienze. La taglia era aumentata e pesci da 6-7 kg ogni tanto di facevano vedere, sopratutto in un posto in Ombrone con una profondità media maggiore e dove il fiume respirava.

Sempre per ragioni di surfcasting, chiamai Mario Molinari perché Paul Kerry, doveva venire a casa mia per qualche giorno e proprio sul finire della telefonata timidamente gli svelai che da qualche anno avevo cominciato a praticare anche il carpfishing.

Ricordo la sorpresa di Mario.

Ma davvero?? Lo sai che sto disperatamente cercando qualcuno per fare un video per l’Arte della Pesca della De Agostini?? Te la senti di fare un video per noi? Non ti devi preoccupare di nulla, l’attrezzatura deve essere Daiwa e te la porto io…

Accettai al volo!

Due settimane più tardi mi ritrovai all’appuntamento presso i Laghi di Montauro non lontano da Salsomaggiore…

Mario mi portò due canne Daiwa, rispettivamente un 1.75 libbre (che ocra conservo) ed una 2.5 libere. Due mulinelli, qualche amo e treccia Drennan e gli avvisatori Daiwa Sensitron.

Io invece avevo con me il mio rod pod Gardner, i miei rig oramai “sicuri”, qualche piombo e due sacchetti di boilies Richworth che avevo acquistato insieme agli avvisatori Optonic per il mio amico Andrea Baldeschi con il quale rollavo migliaia di boilies a mano, per sfidare i Bacini caverna tutte le volte (spesso) che salivo a Pisa.

Regista era il leggendario Renato Vacatello, l’anima di Fish Eye obbiettivo pesca., un professionista abituato ad attori veri e non certo a dilettando allo sbaraglio. ma era anche un grande appassionato di pesca e io ero a sua disposizione per imparare a stare davanti alla telecamera.

Ricordo che buttai qualche pallina in acqua, due palle di pastura e sotto l’occhio della telecamera predisposi tutto. Nell’attesa dovevo anche parlare e spiegare cosa stavo facendo. Devo dire che le cose stavano filando via abbastanza lisce; un paio di ciak per ogni sequenza parlata e Renato pareva incuriosito sia dalla tecnica che dal fatto che, a differenza di altri pescatori coinvolti in diverse tecniche di pesca, sembrava che sapessi parlare davanti ad una telecamera…..la qual cosa piaceva molto ai cameraman che non erano costretti a ripetere dieci volte lo stesso ciak!

Per queste occasioniserve molta fortuna sotto forma di una bella partenza che interruppe il panino e mi ritrovai con la canna da 1.75 libbre completamente piegata ed un pesce grosso dall’altra parte. 

Dopo 3-4 minuti, anche seguendo le direttive del regista, riesci a guadagnare questa splendida carpa a specchi sui 7.5 kg….non stavo più nelle mutande dalla gioia!

Dopo poco arrivò una seconda carpa sui 6 kg e quindi diverse altre di taglia più piccola. 

Nel frattempo le boilies erano quasi finite per cui chiesi a Mario di portarmi delle farine perché il giorno dopo a complemento del video, avremmo fatto le boilies direttamente durante la pesca.

va detto che la durata prevista delle riprese era di 5 giorni ma già alla fine del primo giorno tutto era andato per il verso giusto; il tempo, le catture, le riprese e anche le mie parti parlate per le quali era servito molto meno tempo del previsto.

Il primo video di carpfishing italiano  era chiuso ed ora si trattava di mettere insieme testi e foto per completare l’Enciclopedia della pesca. Per me fu l’inizio di una lunghissima corsa, inaspettata, quasi casuale ma certamente entusiasmante perché da quel video nacquero vari impulsi fondamentali come l’idea di creare Carp Fishing Italia di cui Ezio Steri fu il primo Presidente con i consiglieri Bellugi, Franci, Tornar e il sottoscritto. Nacque quindi il libretto “I segreti del Carpfishing” con i disegni di Brando Borghi e a complemento, il trofeo Big Carp Cup-Team Daiwa che premiava le migliori 30 foto di carpe catturate con questa tecnica.

Nel frattempo, le dimostrazioni di carpfishing presso i laghi di Mantova organizzati da Luca Foroni-La Mincio così come il primo Enduro a Soave.

Tanta roba come si direbbe oggi, nata dal nulla e senza quasi avere nulla se non un gruppo di appassionati travolti da un entusiasmo contagioso che si sarebbe propagato in tutt’Italia, da li a brevissimo!

Precedente | Successivo

Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)
*La tua email non sarà pubblicata
Autorizzo il trattamento dei miei dati secondo l'informativa privacy.
Codice di
controllo

News
Come nacque (per caso), il primo video italiano dedicato al carpfishing. Continua..
Come nacque la prima rivista italiana di carpfishing (insieme a Tuttocarpa) che per quasi un ventennio ha divulgato questa tecnica coinvolgendo praticamente tutte le miglri firme italiane e straniere. Continua..
Come nacquero le mie serie di canne, un periodo esaltante e ricco di soddisfazioni che forse ha segnato un nuovo modo di intendere questi accessori da carpfishing. Continua..
Il carpfishing italiano ha toccato un livello molto basso, lontano da ciò che era nei nostri sogni. Conoscere il passato per migliorare il futuro è una lezione che non è stata applicata.. Continua..
Ero un giovane Istruttore di Amendola e volavo sul mitico G91T quando incontrai il mio vecchio Maestro, Fausto Bernardini che pilotava un MB326. Ecco il ricordo di quei minuti memorabili. Continua..
E’ appena finito Carp Italy con la sua scia di entusiasmi ma anche con la necessità di segnalare le cose che appaiono in contraddizione che sono balzate all’occhio dei più attenti. Continua..
Basta rischi e pericoli per andare a pesca; giubbetto salvagente e passa la paura. Continua..
Basta con le reti nella maggioranza delle acque interne. Daremmo un brutto colpo al bracconaggio, fermeremmo una usanza medioevale e restituiremmo futuro alle nostre acque. Continua..
Parliamo dell'apertura alla trota? Rito o mattanza annuale? Continua..
Me ne torno a casa dopo Vicenza 2017-Pescare Show con molto entusiasmo personale e altrettante perplessità sul reale stato delle cose. ma vado per gradi. Continua..
Il perché si chiude una porta legata ai canali a pagamento e si apre un portone fatto di televisione in chiaro. Continua..
Uno stralcio di SurfCasting Academy , il nuovo libro sul surf in uscita tra un mese circa. Tanto per fare chiarezza e tranquillizzare chi vorrebbe dei meriti che ha solo in parte e mi scrive stizzito dopo 20 anni... Continua..
Una meravigliosa scoperta, la riprova che con entusiasmo e sacrificio si possono creare angoli di paradiso; Tail Water Tevere a Sansepolcro Continua..
Da anni cerchiamo di rendere la pesca sportiva eco compatibile, sostenibile. Da anni proviamo a diffondere un comportamento etico che ci renda inattaccabili e nel frattempo la televisione generalista propone esempi del tutto opposti. Continua..
Partita persa oppure esiste ancora una flebile luce? Credo sia difficile pensare positivo perché manca la cultura della pesca ricreativa e sportiva e le leggi non ci aiutano affatto. Continua..
Ho scritto una lettera al portavoce dei 5Stelle Liguria che si era espresso in modo assai poco convincente sulla pesca ricreativa. Aspetto risposta graditissima. Continua..
Firmare la mozione dela FIPSAS per fermare una legge beffa ai danni di tutti noi. Continua..
Il Testo unificato che crea la licenza di pesca in mare va fermato prima che lo scandalo si consumi ai danni di tutti noi. Più che scandalo, una enorme presa per i fondelli a 1.5 milioni di appassionati! Continua..
Un editoriale scritto nel 2009 che ripubblico volentieri visto che adesso si scopre che dietro la pesca sportiva potrebbe esserci un mucchio di posti di lavoro.. Continua..
Polemiche sterili su parole mai dette. Serve una mente aperta e sopratutto, una maggiore tolleranza. Continua..
Una riflessione sulla indecente proposta e il link dove scaricare il modulo per dire: NO! Continua..
Ecco il testo integrale della lettera aperta inviata da EFSA al Ministro delle POlitiche Agricole (MIPAAF) Continua..
Nelle proposta di legge presentata dal Dep. Oliverio viene messo nero su bianco che dietro la pesca illegale e il commercio illegale di pesci si cela .....la pesca ricreativa.....Ora forniscano le prove... Continua..
Un Deputato propone la licenza di pesca in mare e contemporaneamente, più fondi a sostegno dei professionisti. Togliere a noi per dare alle reti? Non mi pare una buona idea e non se ne sono valutati i rischi... Continua..
Eccellenze italiane che stanno dimostrando come la pesca sia uno strumento moderno e efficace per creare lavoro; una ricetta fatta di amore, professionalità e zero chiacchiere! Continua..
La farsa italiana di voler dire che la carpa, con 2000 anni di cittadinanza italiana è alloctona. Pertanto è tra le specie invasive e deve essere distrutta.Lascio perdere i commenti che si ascoltano all'estero... Continua..
Chiusa la pesca al tonno senza aver avuto la possibilità di immergere le lenze che anche quest'anno, pur pronte all'uso, sono rimaste all'asciutto...Intanto i furbi continueranno a farsi i comodi loro... Continua..
Aprire le menti e provare a dialogare. Non è una impresa facile provare a capire in un panorama contorto e pieno di contraddizioni come quello della pesca italiana Continua..
Accampare diritti? Tradizione nazionale!! Doveri? Pochi e sopratutto, che siano un problema di altri..Questa è la pesca ricreativa? Continua..
La pesca del tonno per i ricreativi è una farsa; me ne sto convincendo velocemente.La politica si fa beffe ma noi ci mettiamo il carico da quaranta con comportamenti che devono essere messi al bando e denuncia Continua..
Senza vergogna, senza nemmeno nascondere che si commettono reati. Una brutta pagina che l pesca ricreativa sta scrivendo e che non smette di scrivere, incapace com'è, di crescere culturalmente. Continua..
I retroscena di The King Fishers per Nat Geo, una bella esperienza internazionale con tanta luce e qualche ombra fastidiosa! Continua..
Archivio News
 
Social
 
Ricerca