pubblicato il 30/07/14

Verissimo esiste una direttiva Europea alla quale l'Italia dovrebbe attenersi di direttive europee ne esistono decine di altre palesemente errate, generaliste e che non tengono conto delle specificitá di un Paese che si protende dal Europa ai confini dell'Africa e del Medio Oriente.
I nostri europarlamentari sono noti per assenteismo e ignoranza di certe tematiche per cui é facile comprendere come questa ed altre, siano passate senza resistenza.
Ce la vedete Iva Zanicchi o Checchi Paone ( ex parlamentari europei) prendere le difese dell'alloctonia?
Chiaramente é una provocazione.
Verissimo che la carpa non é nativa delle nostre acque ma forse, un paio di migliaia di anni dovrebbero bastare.
Verissimo che nelle nostre acque sono spariti triotti, lasche, savette, pighi per citare alcune specie e che al loro posto sono arrivati carassi, gardon, breme, siluri, aspio, amur e lucci oltre che trote iridee, gatti americani, blackbass e tanti altri.
Ma é anche vero che laddove io pescavo con mio nonno, nel lontano 1967 e l'acqua pullulava di alborelle, ora vi é un liquidi marrone, sono spariti i ghiareti, i canneti e le ninfee sono un ricordo...
Qualcuno della Consulta ER ha mica letto per caso (per caso), "A pesca con i Campioni" di Albertarelli dove si raccontavano le pescate di angler divenuti leggenda come Scarpini, Zavattoni etc?
No, perché andando a leggere si scoprirebbe che di quei fiumi, Ticino e i suoi milioni di temoli e l'Adda ricco da scoppiare, non vi é più traccia.
Eppure poco oltre il confine scorre la Drava che contiene TUTTE le specie incriminate incluso il glanis, aspio eppure     i sono milioni di alborelle, pighi, savette. Non sará che gli austriaci hanno salvato gli habitat senza intervenire sugli stock?

Da noi.è stato detto ""....certo é arrivato il siluro...".  quindi la totale distruzione degli habitat é colpa del pesciolone bavoso..

.quindi la totale distruzione dei letti di frega (ghiaia) causati dagli sbarramenti idrici é colpa del glanis....

......quindi l'immissione dei carassi, gardon, breme ( potenti mangia uova) é colpa del siluro?

Ironizzo, ma, ci sarebbe da urlare dallo sdegno.

.....allora le reti a migliaia messe dai bracconieri non esistono...e i lipoveni ce li stiamo inventando noi...?

Dopo aver iniziato la lotta al siluro a colpi di fucilate, reti e quant'altro pensavamo di aver visto di tutto ma ci sbagliavamo, eravamo solo all'inizio.
Le voci già giravano da tempo e si erano lette dichiarazioni deliranti di eradicazioni colossali, di reti finalmente in grado di ridare nobiltá e rimettere le cose in ordine, di massacri annunciati e poi realizzati tra applausi e inni alla gioia.
Delirio totale, non ci sono altre spiegazioni. Qui, un drappello di persone investite di non si capisce quale titolo decide contro ogni buon senso e fa incazzare migliaia di persone.
Non basta che i nostri fiumi siano invasi da bracconieri, reti, gente senza licenza, scarichi illegali ora ci si mettono anche questi e nel nome dell'Europa e di qualche strampalata ricerca su cui poggiare il delirio, decidono che la carpa é alloctona ovvero, non é cittadina italiana.
Pertanto, Signori della corte, anziché rimetterla in acqua dopo averla poggiata su un materassino da 200 euro e disinfettata a dovere, va presa a martellate perché impura.
Poi, dove la smaltisce ce lo diranno quelli della Consulta; direi a casa loro se volessi fare l'ironico ma non c'é da scherzare.

Addio carpfishing, la sua etica, le sue regole, il suo rispettare la preda.

Addio alla montagna di parole che io e altri abbiamo scritto in questi 20 anni in cui, della carpa abbiamo tessuto le lodi come avversario generoso, nobile, degno di ogni rispetto.

Addio a quella ideologia che in questi venti anni ha unito sotto un unico credo, decine di migliaia di nuovi appassionati che hanno tenuto in vita la pesca in acque dolci portando entusiasmo, fanatismo, energie fresche, posti di lavoro, nuove aziende, indotto, fiere ricchissime, investitori stranieri.

Ma questa gente é mai stata a vedere il Carp Italy o il più recente Carp & Specialist e verificare che massa di persone sono state colpite da queste scelte deliranti?

Addio a mezza pesca ricreativa italiana che in ER ha radici nobili e profonde ma che evidentemente, a questo manipolo di persone , non interessa affatto.
Anche perché ci finiscono in mezzo anche i black e i lucci "verdoni" per cui lo spinning italiano salta per aria e la Fiera di Vicenza, con buona pace dell'amico Eddy Peruzzo, può anche chiudere anziché crescere.
Quando si sente dire " ...diciamolo, queste carpe hanno rotto, mangiano di tutto e impedisco ad altri pesci di crescere per cui ben venga l'alloctonia, .," non viene voglia di tirargli le orecchie?
Eppure questo progetto ha radici lontane, carte, commenti, mezze parole che quasi auspicavano il cataclisma. C'é chi aveva applaudito al demenziale accordo con il consolato rumeno, foriero di prelievo illimitato, c'é chi aveva chiaramente detto le carpe davano fastidio ad altre tecniche.
Follia pura a mio parere, quella di pensare di svuotare fiumi e canali per poi riprogettare immissioni  di cui nessuno può garantire il successo.
Parliamo delle immissioni di storioni tanto strombazzate qualche anno fa?
Soldi buttati mi pare di ricordare.
E mi fermo qui perché poi mi arriva la lettera dell'ittiolgo e mi sgrida anche se poi ammette di non condividere molte scelte dei suoi colleghi...
Ma a chi e cosa serve tutto questo? Accesso a fondi europei ad esempio? Perché se da un lato si procede allo svuotamento, dall'altra bisogna re-immettere e questo , non é a titolo gratuito.

Ma, queste sono solo illazioni sia chiaro....

In questi giorni abbiamo ricevuto una decina di riferimenti in cui la carpa é nelle nostre acque da circa 2000 anni, é presente in testimonianze dell'epoca romana e ne é descritto la modalitá di arrivo in Italia in modo dettagliato.
Perché questa documentazione é stata ignorata e si é dato credito ad altro?
La carpa è "autoctona" e su questo la Consulta deve fare un passo indietro punto e basta ma, non si deve fermare qui, perché tutto il regolamento contiene macroscopici errori mantenendo in piedi usi e costumi che non hanno più senso.
Non sta a noi indicare la via da seguire perché sarebbe un salto verso il terzo millennio che scontenterebbe alcuni ma certamente, porterebbe la pesca ricreativa in ambiti più consoni ad un Paese occidentale che guarda il futuro piuttosto che ad un passato mediocre.
Abbiamo scampato un pericolo che diventava un precedente pericoloso ma il regolamento é ancora li pronto per diventare operativo anziché esser gettato via e riscritto in toto per cui, non si canta vittoria ma si respira ancora per qualche mese.
In questo lasso di tempo forse é il caso che ci si rimetta le mani sopra e noi staremo ad aspettare che questo accada.
Poi si rimettono al loro posto  tante cose e si da al milione e mezzo di pescatori appassionati quella dignitá che al momento non é concessa..come avviene in gran parte di quei Paesi Europei da cui prendiamo ordini ma che le loro acque le sanno gestire...

Precedente | Successivo

Commenti

Icona utente alessandro pani il 13/06/15
Anche il fagiano è in Italia da 2000 anni e nessuno spero penserà che debba essere eradicato.Secondo la Direttiva Ue L'Ispra dovrà compilare entro l'autunno la lista delle specie da eradicare ed è li che bisognerà agire con zoologi,ittiologi e tecnici del settore

Inserisci un commento

(La pubblicazione è soggetta ad approvazione da parte della redazione.)
*La tua email non sarà pubblicata
Autorizzo il trattamento dei miei dati secondo l'informativa privacy.
Codice di
controllo

News
Parliamo dell'apertura alla trota? Rito o mattanza annuale? Continua..
Me ne torno a casa dopo Vicenza 2017-Pescare Show con molto entusiasmo personale e altrettante perplessità sul reale stato delle cose. ma vado per gradi. Continua..
Il perché si chiude una porta legata ai canali a pagamento e si apre un portone fatto di televisione in chiaro. Continua..
Uno stralcio di SurfCasting Academy , il nuovo libro sul surf in uscita tra un mese circa. Tanto per fare chiarezza e tranquillizzare chi vorrebbe dei meriti che ha solo in parte e mi scrive stizzito dopo 20 anni... Continua..
Una meravigliosa scoperta, la riprova che con entusiasmo e sacrificio si possono creare angoli di paradiso; Tail Water Tevere a Sansepolcro Continua..
Da anni cerchiamo di rendere la pesca sportiva eco compatibile, sostenibile. Da anni proviamo a diffondere un comportamento etico che ci renda inattaccabili e nel frattempo la televisione generalista propone esempi del tutto opposti. Continua..
Partita persa oppure esiste ancora una flebile luce? Credo sia difficile pensare positivo perché manca la cultura della pesca ricreativa e sportiva e le leggi non ci aiutano affatto. Continua..
Ho scritto una lettera al portavoce dei 5Stelle Liguria che si era espresso in modo assai poco convincente sulla pesca ricreativa. Aspetto risposta graditissima. Continua..
Firmare la mozione dela FIPSAS per fermare una legge beffa ai danni di tutti noi. Continua..
Il Testo unificato che crea la licenza di pesca in mare va fermato prima che lo scandalo si consumi ai danni di tutti noi. Più che scandalo, una enorme presa per i fondelli a 1.5 milioni di appassionati! Continua..
Un editoriale scritto nel 2009 che ripubblico volentieri visto che adesso si scopre che dietro la pesca sportiva potrebbe esserci un mucchio di posti di lavoro.. Continua..
Polemiche sterili su parole mai dette. Serve una mente aperta e sopratutto, una maggiore tolleranza. Continua..
Una riflessione sulla indecente proposta e il link dove scaricare il modulo per dire: NO! Continua..
Ecco il testo integrale della lettera aperta inviata da EFSA al Ministro delle POlitiche Agricole (MIPAAF) Continua..
Nelle proposta di legge presentata dal Dep. Oliverio viene messo nero su bianco che dietro la pesca illegale e il commercio illegale di pesci si cela .....la pesca ricreativa.....Ora forniscano le prove... Continua..
Un Deputato propone la licenza di pesca in mare e contemporaneamente, più fondi a sostegno dei professionisti. Togliere a noi per dare alle reti? Non mi pare una buona idea e non se ne sono valutati i rischi... Continua..
Eccellenze italiane che stanno dimostrando come la pesca sia uno strumento moderno e efficace per creare lavoro; una ricetta fatta di amore, professionalità e zero chiacchiere! Continua..
La farsa italiana di voler dire che la carpa, con 2000 anni di cittadinanza italiana è alloctona. Pertanto è tra le specie invasive e deve essere distrutta.Lascio perdere i commenti che si ascoltano all'estero... Continua..
Chiusa la pesca al tonno senza aver avuto la possibilità di immergere le lenze che anche quest'anno, pur pronte all'uso, sono rimaste all'asciutto...Intanto i furbi continueranno a farsi i comodi loro... Continua..
Aprire le menti e provare a dialogare. Non è una impresa facile provare a capire in un panorama contorto e pieno di contraddizioni come quello della pesca italiana Continua..
Accampare diritti? Tradizione nazionale!! Doveri? Pochi e sopratutto, che siano un problema di altri..Questa è la pesca ricreativa? Continua..
La pesca del tonno per i ricreativi è una farsa; me ne sto convincendo velocemente.La politica si fa beffe ma noi ci mettiamo il carico da quaranta con comportamenti che devono essere messi al bando e denuncia Continua..
Senza vergogna, senza nemmeno nascondere che si commettono reati. Una brutta pagina che l pesca ricreativa sta scrivendo e che non smette di scrivere, incapace com'è, di crescere culturalmente. Continua..
I retroscena di The King Fishers per Nat Geo, una bella esperienza internazionale con tanta luce e qualche ombra fastidiosa! Continua..
Archivio News
 
Social
 
Ricerca